post

PRESENTAZIONE SECONDA GIORNATA DI COPPA PIEMONTE

PRESENTAZIONE SECONDA GIORNATA DI COPPA PIEMONTE

Per la serie “c’è sempre una prima volta”, le due formazioni del Progetto EVO si incontreranno in una gara ufficiale alle ore 15.00 di sabato 28 settembre. Nella scorsa stagione le ragazze di Casale e di Alessandria avevano condiviso la rete solo in una amichevole. Alla Tensostruttura Filiberti adiacente al PalaFerraris, EVO Volley ed EVO Tre Colli Gavi daranno vita ad un interessantissimo derby. Sulla carta la squadra di coach Ruscigni parte favorita, ma il team di Ernesto Volpara potrebbe stupire, sfoderando una grande prestazione. La qualità del gruppo del Tre Colli Gavi non è in discussione. Già nella prima giornata (con Valenza ed Ovada) si sono viste trame di gioco interessanti. Marku, Bernagozzi, Rinaldi, Elena e Matilde Correa sono elementi di sicuro affidamento, forti delle esperienze maturate in serie C, D ed under 18 regionale. Sarà un pomeriggio speciale per Eleonora Papillo, ex EVO Volley, che tornerà a Casale dopo l’esperienza del 2018-19. “Nel giro di 8 giorni rivedrò tutte le mie ex compagne. Sabato quelle che giocano nell’EVO Volley e nella terza giornata quelle che militano nella Fortitudo. La stagione scorsa è stata molto importante per me; ho appreso da compagne ed allenatori, aumentando il mio bagaglio di conoscenza pallavolistica. Che derby sarà? Partiamo sfavorite, lo sappiamo, ma abbiamo tanta voglia di giocare questa partita per confrontarci con un team veramente forte. Noi dobbiamo seguire un percorso di crescita che ci deve condurre al nostro obiettivo stagionale, ma gare come quella con la EVO Volley possono darci tanta autostima”. Nella giornata inaugurale di Coppa, due i punti raccolti dal Gavi: uno con Valenza ed uno con Ovada. Derby da ex anche per Martina Furegato, nata nel vivaio dell’Alessandria Volley. Da poche settimane si possono definire ex anche Alice De Simone e Valentina Ferrari, entrambe in under 18 con l’EVO Alessandria Volley di coach Volpara. La terza formazione che comporrà il concentramento di Coppa valido per la seconda giornata, sarà l’Agape Issa Novara. Il team giallo-nero ha recentemente affrontato la Nuova Elva Fortitudo ed è composto da atlete molto giovani. In regia troviamo una ex juniorina, Matilde Sella. Non sarà la sola ad aver indossato il rossoblu. Angelica Agosta ha giocato come centrale nel campionato di Prima Divisione agli ordini di coach Maurizio Montagnini. Le giallo-nere di coach Orlando, (ex pilastro dello staff Asystel Volley), nel primo turno hanno perduto per 0-3 con Occimiano, ma si sono imposte per 2-1 sul Gaglianico Volley School, squadra di serie C.

CALENDARIO INCONTRI

Casale Monf.to, Tensostruttura via Visconti.

EVO Volley-EVO Tre Colli Gavi (15.00)

EVO Tre Colli Gavi-Agape PGS Issa NO (16.30)

Agape PGS ISSA NO-EVO Volley (18.00)

EVO Volley: Del Nero (K), Furegato, Soriani, Fracchia, Dametto, Angeleri, Coppo, Ferrari, Deambrogio, Cattaneo, Kokoshi, Dell’Oste (L), De Simone (L). All: Ruscigni-Montagnini.

EVO Tre Colli Gavi: Bertelli (K), Rinaldi, Benedetti, Bernagozzi, Carrea M., Ronzi, Scarafia, Carrea E., Marku, Traverso, Comandini, Pagano, Papillo (L), Calderone (L), Cazzulo (L). All: Volpara.

PGS Issa Novara: Sella (K), Malgrati, Rivoltella, Agosta, Casagrande, Antonini, Raugi, Cofussi, Gatti, Montipò, Berardi, Almasio (L), Rondonotti (L). All: Orlando.

CLASSIFICA:

PGS Issa Novara, Volley Villafranca, ISIL Almese, Nuova Elva Fortitudo, Montaldo Dora, 2D Lingotto, SER Santena e Rivarolo pt.6

VBC Savigliano, EVO Volley e Volley Marene pt.5

Pall.Scurato D, Rosaltiora VB, Team Volley Lessona, Labor Volley, Valenza, Moncalieri, San Giorgio Chieri, Valentino Volpianese e Volley Busca pt.4

Team Volley NO, Cusio Sud Ovest Sport, Cogne, Pall.Scurato C, Racco Savi, Allotreb TO, Ovada, Mokaor S2M VC, PGS El Gall, La Folgore, Safa 2000, Canavese Volley e Igor Volley NO pt.3

Balamunt, Calton Volley, Agape Issa NO, Cherasco, Real Venaria, EVO Tre Colli Gavi, Lilliput, Volley Bellinzago, Teamvolley Botalla e San Rocco NO pt.2

LPM Mondovì, Gaglianico Volley School, Leinì e Involley Piemonte pt.1

Sangip, Chivasso, Pramotton, Union Rivalta, Villanova Volleyball, Play Asti ASD e Lasalliano pt.0

NB Sottolineate le squadre al momento qualificate ai quarti di finale.

post

SECONDA TRASFERTA CONSECUTIVA

La seconda trasferta consecutiva della EVO Elledue si disputerà ad un orario insolito ed in una location nuova di zecca per il sodalizio rossoblu. La formazione capitanata da Alice Dell’Oste non ha mai giocato al Palasport di San Maurizio Dopaglio; lo farà sabato 6 aprile a partire dalle ore 17.00. L’avversario in questione è l’Oasi Cusio Sud Ovest di coach Milanesi. Si tratta di uno dei team più giovani della categoria e di una squadra che ha molte affinità con la Elledue di questa stagione. Si può affermare che sabato prossimo si sfideranno due delle sorprese positive di questo girone di serie C. L’Oasi è quinta con 38 punti, cinque in meno della EVO, ma solo nell’ultimo mese ha avuto una flessione a livello aritmetico. Dopo il 3-0 rifilato al Trecate quattro settimane fa, è arrivato un solo punto. Sconfitta per 3-1 a Novi, ko al tie-break in casa con il Lessona e terzo stop consecutivo rimediato a Novara con il Team Volley lanciato verso i play-off. La partita con la Elledue sarà per il Cusio l’occasione per un pronto riscatto. In quest’ottica, OASI-EVO presenta analogie con il match di andata. Alla Centogrigio Arena le ragazze di coach Ruscigni persero per tre a due di fronte al proprio pubblico, entrando di fatto in un tunnel di risultati negativi, interrotto solo a metà gennaio con la trasferta di Canelli. Il periodo di “crisi” risultò determinante per le rossoblu, perché a conti fatti, sono quelli i punti che mancano nella corsa verso le prime tre posizioni (Oasi, Bra, e soprattutto Santena). Di conseguenza, le due formazioni impegnate a San Maurizio Dopaglio, saranno entrambe animate da un particolare spirito di rivincita. Gallina, Branca, Tumiati e Lanzoni le avversarie più pericolose. L’attaccante di posto quattro (Matilde Gallina) fu mattatrice del match di andata con 22 personali all’attivo (16 attacchi, 4 muri e 2 aces). Nelle file rossoblu recitarono una parte importante Furegato (21) e Fracchia (14). Oasi-EVO inaugura di fatto l’ultimo mese di campionato. La serie C delle rossoblu, (ottima per impegno, dedizione, rendimento e gioco espresso), proseguirà ospitando la capolista Bra. Dopo la sosta per le festività pasquali, trasferta a Santena e chiusura in casa con il Canelli.

Oasi Cusio Sud Ovest: Poletti (K), Branca, Lanzoni, Tumiati, Tozzini, Chiozza, Caimi, Previtali, Gallina, Desillani, Ferraris, Vaccaro (L), Giacomazzi (L). All: Milanesi-Aquilia.

Classifica: Libellula Bra 62, L’Alba Volley 55, Team Volley NO 53, EVO Elledue 43, Oasi Cusio 38, Rivarolo 36, Santena’95 34, Team Volley Lessona, Cuneo e La Folgore 32, Novi 19, Igor Volley 11, Canelli 9, Monviso Volley 6.

Prossimo turno (06-04-2019): Oasi Cusio-EVO Elledue (3-2); Rivarolo-Libellula Bra (1-3); La Folgore-Team Volley Lessona (1-3); L’Alba Volley-Team Volley NO (2-3); Santena’95-Cuneo Granda Volley (3-0); Canelli-Novi (0-3); Monviso Volley-Igor NO (3-2).

post

SECONDA VITTORIA PER L’UNDER 12 CSI

PGS Ardor Nera-Junior Volley-0-3

(23-25 / 10-25 / 22-25)

Junior Volley: Koci (K) 10, Losurdo 5, Giyly 11, Rubino, Botteon 7, Aimo, Pettinato 16, Visentin, Balla 5, Vurchio. All: Mazzucco.

Casale Monf.to – Venerdì 22 febbraio, la formazione rossoblu guidata da coach Silvia Mazzucco, ha disputato la gara valevole per la terza giornata del campionato CSI. Nella storica palestra “Dante” si sono affrontate le due compagini più giovani del girone del comitato astigiano: la PGS Nera di Silvia Genta e le juniorine under 11. Mesi fa, Ardor e Junior si erano sfidate in amichevole e da allora occorre registrare un concreto miglioramento da parte di tutte le atlete (e gli atleti) in campo. Davvero un ottimo lavoro quello svolto dalle coach di nome Silvia. Primo e terzo set sono stati molto equilibrati. Koci e compagne se li sono aggiudicati in volata facendo leva soprattutto su un fondamentale: la battuta. I servizi vincenti delle rossoblu sono stati ben 22. Più semplice il secondo set, vinto per 25-10. E’ la seconda vittoria della nostra under 11, la prima da tre punti.

post

L’ORA DI STORIA: LA SECONDA COPPA ITALIA

Nella pluridecennale storia della Junior Volley, ci sono squadre che hanno impresso a fuoco il loro nome negli annali della pallavolo. Tante le atlete, molti gli allenatori, gli staff ed i dirigenti che si sono susseguiti. Una cosa è rimasta, oggi come nel lontano 1966: la maglia. Chi l’ha indossata sa che non è come le altre, poiché trasuda storia e in alcuni frangenti quella storia ha sfociato nella leggenda. Un posto di assoluto riguardo lo merita la Junior 2005-06, ovvero la formazione che seppe riconquistare la Coppa Italia dopo il trionfo del 1984-85. Parlare di quella squadra riducendola alle protagoniste di quel pomeriggio al PalaCima di Alessandria, è oltremodo scorretto. La Junior che vinse la Coppa Italia nacque tre anni prima con l’avvento di Dragan Nesic. Il tecnico serbo portò a Casale una mentalità nuova, un nuovo modo di fare e di intendere la pallavolo. Saltammo da un passato glorioso ad un futuro tutto da scrivere e fu un’avventura straordinaria. Il primo anno si arrivò terzi conquistando i play-off all’ultima giornata. Il secondo servì per mettere le basi per una grande vittoria. La Junior arrivò in finale di Coppa Italia a Matera e perse l’ultimo atto proprio contro le padrone di casa. E poi, a compimento del programma triennale, arrivò il successo nella coppa nazionale. In panchina non c’era più coach Nesic, in quanto presentò le proprie dimissioni qualche settimana prima. Lo sostituì il suo secondo, Massimo Lotta, bravo a rimettere insieme i pezzi di una squadra che in campionato aveva perduto il proprio obiettivo, ma che aveva una qualità nei singoli che raramente si era vista prima a Casale Monferrato. Le final-six di Novi Ligure ed Alessandria furono vinte di slancio. Successi nel girone con Novi e Brindisi, finale vietata ai deboli di cuore contro Ostiano Cremona. Un tre a due di incredibile bellezza. Che dire? Di quella squadra ho avuto l’onore di farne parte. Per me, come per altri, arrivare a sollevare quella coppa… è stato qualcosa di speciale. Vincere con i colori della propria città dopo aver macinato centinaia di partite e migliaia di chilometri in tutta Italia, è il massimo. Ricordo tutti con estremo piacere. Lo staff tecnico era composto da persone preparate ed umanamente straordinarie. Da Dragan Nesic a Massimo Lotta, da Massimo Merazzi a Marco Musso (che sono poi saliti sul tetto dell’Europa con Civitanova e Busto Arsizio), da Luca e Matteo Nespolo fino ad arrivare al mio “socio” Marcello Acquaviva. E poi che dire delle ragazze? Sabrina Righetto e Linda Giordana erano partite da molto lontano. Dalle giovanili con Furione ed Anna Angelino, fino a quel giorno. Al giorno del trionfo. Nel “giro di campo” che feci con Sabrina in braccio c’era tutto… Tutto quello che avevamo vissuto con le ex compagne e con suo papà Gabriele, un dirigente straordinario ed un amico vero. La capitana Chicca Cappa era il simbolo di una generazione che aveva spiccato il volo verso la serie A, che si era confermata ad alti livelli e che era tornata per portare la sua città alla vittoria. Margherita Aceto, altra casalese DOC, era appena arrivata dall’Ardor, società che da sempre (come la Junior) è stata attenta alla pallavolo giovanile. A proposito di giovanili… Alice Martini da Ovada è stata la bandiera della rinascita del vivaio rossoblu. La Junior sarà per sempre casa sua e lei lo sa. Nel ruolo di opposto Alice si alternava con Francesca Zamperin. Nativa di Cuneo, è arrivata a Casale per non andarsene più. Una stagione tribolata per via di una condizione fisica condizionata dagli infortuni, ma un carico di esperienza che in coppa è stato oltremodo decisivo. Martina Delfino, altra cuneese DOC, ha girato tutta Italia giocando a pallavolo, ma qui ha contribuito nel lasciare un segno nella storia. Professionista esemplare, ragazza di una correttezza e di una umanità senza confini. In regia c’era Laura Venturini. Ex Trecate ed Asystel, Laura era arrivata alla Junior da campionessa d’Europa in carica (titolo conquistato con Perugia di Massimo Barbolini). E al centro? Un trio mica da ridere! Manuela Mutti è colei che ha servito la palla della finale, ma non solo. Arrivata a dicembre, conferì al reparto una compattezza ed una solidità invidiabile. Laura Zambetti di finali se ne intendeva. Ne ha giocate tre, vincendole tutte. E poi, Francesca Fasoli. Mi viene difficile chiamarla giocatrice, perché prima di ogni altra cosa è stata una grande amica. Tre stagioni giocate su livelli eccelsi, per un’atleta che al giorno d’oggi giocherebbe titolare in A1. Fu un sabato pomeriggio incredibile. Fu una stagione incredibile, ma soprattutto fu una squadra straordinaria, fatta di persone vere e straordinarie.

Di seguito, pubblichiamo la cronaca di quella finale.

FINALE DI COPPA ITALIA 2006-07


Edilkamin Ostiano-Euromac Mix-2-3
(18-25 / 25-15 / 21-25 / 27-25 / 15-17)
in: 19, 16, 22, 30 e 15 minuti.
Euromac Mix: Cappa (K) 11, Zamperin 17, Giordana 24, Venturini 3, Fasoli 11, Zambetti 8, Martini, Delfino ne, Mutti, Aceto ne, Righetto (L). All: Lotta-Merazzi.
Edilkamin Ostiano: Gioria (K) 6, Ronconi 9, Guatelli 20, Serena 22, Maestri 17, Lucini 4, Sarti ne, Donida ne, Ronchetti, Baselli ne, Ghilardi (L). All: Gazzotti-Zanoni.
Servizi vincenti: Casale 4, Ostiano 6.
Errori al servizio: Casale 10, Ostiano 4.
Punti a muro: Casale 11, Ostiano 17.
Alessandria – Ventitre anni dopo la Coppa Italia ritorna a Casale Monferrato. L’Euromac Mix conquista il trofeo nazionale al termine di una finale palpitante che ha tenuto con il fiato sospeso il pubblico del PalaCima di Alessandria per più di due ore di gioco. Un autentico spettacolo quello che Junior ed Ostiano hanno offerto nella finalissima della Coppa Italia di serie B. Trovare l’aggettivo giusto per le ragazze di Massimo Lotta è davvero complicato. Le rossoblu sono state splendide, straordinarie ed a tratti incontenibili. Hanno fatto gioire i propri tifosi dopo averli incatenati ad un vero e proprio thriller che ha avuto i momenti di maggior tensione in coincidenza con i quattro match-point che le ragazze di coach Gazzotti hanno saputo neutralizzare, regalando alla sfida una conclusione ancora più bella.
La finale per il terzo posto (vinta da San Vito sul Matera per 3-0) ha fatto da prologo alla grande sfida. Casale scende in campo con Venturini, Zamperin, Cappa, Giordana, Fasoli, Zambetti e Righetto. L’Edilkamin risponde con Gioria, Ronconi, Guatelli, Serena, Maestri, Lucini e Ghilardi. In avvio è Ostiano a prevalere, grazie alle conclusioni di Guatelli e Maestri e ad un paio di invasioni fischiate a Zambetti e Venturini. Lotta chiede time-out sul 5-1 per le lombarde e Casale rientra lentamente in partita. Cose semplici ed una difesa arcigna: è la ricetta che permette a Cappa e compagne di superare le avversarie sul 10-9. Due muri in fila per Zambetti ed ora è Gazzotti che ferma il gioco. Zamperin e Giordana per un ulteriore allungo e Maestri non basta ad arginare la fuga delle rossoblu. Quando Giordana mette a terra il pallonetto del 18-14 il pubblico casalese prende finalmente coscienza delle possibilità delle proprie beniamine. Anche sugli spalti è una sfida all’ultimo coro ed è bello sottolineare l’esemplare correttezza di entrambe le fazioni. Martini per Venturini sul 21-16 e rush finale con Chicca Cappa e Francesca Zamperin: 25-18. La reazione delle cremonesi è terrificante. Ostiano è punta sul vivo e gioca da grandissima squadra mettendo all’angolo l’Euromac Mix. Guatelli e Serena per una serie di parziali pesanti che si chiudono con un eccellente 25-15. Che sia finita la benzina della Junior Volley? L’inizio del terzo set sembra confermare tale ipotesi. Ostiano conquista il 14-9 e Lotta ferma il gioco chiedendo maggior attenzione a muro e in attacco. Detto-fatto: l’Euromac Mix che riprende la partita sorprende le avversarie ed al tempo tecnico Casale è avanti di un punto. Giordana martella senza sosta e Fasoli inizia a dettar legge sotto rete. Il tutto mentre Righetto si conferma al top della forma con una ricezione vicina all’85%. Vantaggio per 21-19 con Zambetti in primo tempo e schermaglia tattica delle due panchine. Ronchetti per Lucini e Mutti per Zambetti. Muro di Venturini su parallela tentata da Ronconi e Casale prende il largo. Cappa per il 24-21 ed errore in attacco per Lisa Maestri: 2-1 per l’Euromac Mix. Sarebbe troppo facile ed allo stesso modo ingiusto, affermare che la Junior si trova ad un passo dalla storia grazie ad un grande cuore. L’Euromac Mix gioca un volley semplice, ma quasi perfetto. Del resto non basterebbe la grinta per superare un Ostiano così, infarcito di grandi campionesse come ad esempio Gioria, Maestri, Serena e Guatelli. Il libero Ghilardi sembra sdoppiarsi sul campo e la quarta frazione è forse la più spettacolare della finalissima. Massimo vantaggio dell’Edilkamin sul 15-12. Ennesimo time-out ed altra trasformazione rossoblu: 16-15 con le giocate di Fasoli, Venturini e Cappa. Sul 22-19 è Zamperin ad avere in canna il colpo del ko, ma l’opposto di Piossasco commette uno dei pochi errori personali in una prestazione da incorniciare. Ostiano si rifà sotto ed agguanta la parità a quota 23. Attacco di Giordana e primo match-point. Alessandra Guatelli lo annulla ma un errore di Maestri in palleggio regala una seconda palla match alle casalesi. Zamperin e Venturini non chiudono: muro di Maestri per il 25 pari. Serena punisce in parallela l’ex compagna di squadra (a Cuneo) Zamperin ed è ancora Maestri a chiudere la porta di un sogno alla compagine juniorina: 27-25. Quello che sta per iniziare è un tie-break che da solo vale il prezzo del biglietto. Succederà di tutto e di più, per una sequenza di emozioni che ha dell’incredibile. Zamperin per il doppio vantaggio iniziale dell’Euromac Mix. Punto del 3-1 con Serena ed allungo casalese con Giordana che capitalizza un errore arbitrale grossolano che manda su tutte le furie le ragazze di Gazzotti (7-1). Reazione veemente con l’arbitro che perde letteralmente la bussola. Fischio di “compensazione” sul 7-3 e recupero lombardo fino al cambio di campo: 8-7 per l’Edilkamin! Ora si fa sul serio: Guatelli da una parte, Giordana dall’altra, mentre Maestri e Fasoli se le danno di santa ragione sotto rete. Un errore per parte sul punteggio di 11-11 (Zamperin-Ronconi); poi è Lisa Maestri a sbagliare una conclusione dal centro. Pareggio di Guatelli e match-point conquistato da Cappa. Maestri per l’ennesima parità. Capitan Chicca per il 15-14 ed errore in attacco di Giordana (15-15). Si rifà subito l’ex azzurra ed è il quinto match-ball. Entra Mutti in battuta e la palla assume una strana parabola, alta e profonda. Ricezione in netta difficoltà e pallone a filo rete. L’ex Gioria salta con una mano per tentare l’impossibile, ma il fallo in palleggio è dietro l’angolo ed è finita con Casale in festa per la seconda Coppa Italia della sua storia! Durante la cerimonia delle premiazioni, i riconoscimenti individuali sono andati a: Chicca Cappa (miglior giocatrice), Alessandra Guatelli (miglior attacco), Francesca Fasoli (miglior muro), Sonia Gioria (miglior palleggio), Michela Ristis (miglior battuta), Alessia Ghilardi e Manuela Esposito (migliori liberi).
LE INTERVISTE
A fine gara un raggiante presidente Vizio si tiene stretta la Coppa dichiarando che: “Questa vittoria ci ripaga dopo un anno dove le cose in campionato non sono andate come speravamo. Abbiamo battuto le tre capoliste dei gironi B (Ostiano), C (Santa Croce) e D (San Vito), dimostrando di avere creato un gruppo che può giocare a grandi livelli. Vuol dire che il lavoro della società è stato all’altezza ed io ho sempre creduto nella formazione allestita in estate. Le critiche che ci sono piovute addosso un po’ da tutte le parti non sono state tutte giuste. Errori ne abbiamo commessi, ma è evidente allo stesso modo, la qualità e la bontà del lavoro del nostro staff. Dedico il successo a chi ha lavorato senza sosta per tutti questi anni, a chi ha collaborato credendo in un progetto che trova forza anche e soprattutto dopo una serata come questa. Un anno fa siamo arrivati secondi, questa volta la portiamo a casa ed è un successo meritato. Grazie alle ragazze, allo staff tecnico ed a quello societario. Un plauso sincero a coach Lotta che si è assunto una responsabilità pesante, ma lo ha fatto arrivando a sedersi con noi sul tetto dello stivale, grazie alla vittoria di questa bellissima Coppa Italia”.
Massimo Lotta: “La coppa Italia per festeggiare i 40 anni della Junior Volley: un sogno, ancora non ci credo. Grazie a tutti, alle ragazze, alla società ed allo staff che mi ha messo a disposizione. Se queste ragazze sono arrivate fin qui, il merito è anche di chi ha contribuito a portarcele ed il mio pensiero corre immediatamente da Dragan Nesic ed alla qualità del suo lavoro. Abbiamo vinto meritatamente, giocando la nostra pallavolo. Fatta di alti e bassi, ma anche di grandi giocate e di una classe dei singoli che ha esaltato il collettivo. E’ una festa incredibile, ottenuta in Alessandria che per tanti anni è stata la mia casa con la rappresentativa giovanile. Chiudo complimentandomi con Ostiano, una squadra fortissima, composta da fuoriclasse assolute. Il merito è anche loro se si ha potuto vivere una finale di altissimo livello”.
Chicca Cappa: “Tutto perfetto. La squadra ha interpretato bene la partita ed ha recuperato nei momenti di difficoltà. Ci siamo rese conto subito di potercela giocare anche se Ostiano era la grande favorita. Felice per la Coppa e per il premio: cosa chiedere di più?”.
Linda Giordana: “Come a Santa Croce. Abbiamo fatto gruppo e giocato in undici, riuscendo a colgliere un successo storico. Quante amarezze in questa stagione ed è per questo che la dedichiamo a noi stesse perché ce la siamo meritate, dimostrando di valere quanto le formazioni più forti della B1 nazionale”.

post

SECONDA FASE INTERPROVINCIALE UNDER 14

La FIPAV (Delegazione Ticino Sesia Tanaro), ha diramato i calendari della seconda fase interprovinciale under 14.

Le rossoblu della Junior EVO Elledue sono state inserite nel girone M con PGS Ardor, Virtus Alessandria e Vega Verbania. A differenza del turno precedente, sono previste partite di sola andata. I risultato ottenuti costringeranno le giovani juniorine ad affrontare due trasferte, ma il calendario ha dato una mano notevole al sodalizio monferrino. Debutto in casa con Verbania (sabato 12 ore 18.00 alla Bistolfi) e trasferte con Ardor e Virtus Alessandria. Evitato il lungo viaggio a Verbania e “trasferta per modo di dire” nella stracittadina con le bianco-rosse di coach Leporati.

post

SECONDA FASE DI COPPA PIEMONTE: ALBA ANCORA IN FINALE

L’Alba Volley-Vega Rosaltiora VB-3-0

(25-23 / 25-15 / 25-22)

Vega Rosaltiora VB-EVO Elledue-3-0

(25-19 / 25-21 / 25-20)

Vega Rosaltiora VB: Ghisleni (K) 8, Cottini A. 7, Velsanto 9, Ferrari, Cottini S. 12, Magliocco 11, De Giorgis, Ossola 3, Caravati 1, Alessi 9, Folghera (L), Zampini (L). All: Cova-Franzini.

EVO Elledue: Dell’Oste Alice (K) 6, Del Nero 4, Furegato 5, Farina 8, Fracchia 8, Gatti 5, Deambrogio 4, Corino, Falabrino, Imarisio (L). All: Ruscigni-Montagnini.

Servizi vincenti: Vega 9, EVO Elledue 3.

Errori al servizio : Vega 11, EVO Elledue 8.

Punti a muro: Vega 8, EVO Elledue 6.

L’Alba Volley-EVO Elledue-3-0

(25-15 / 25-15 / 25-21)

L’Alba Volley: Barroero (K) 13, Montefameglio 3, Sciolla 4, Olocco 8, Nada 5, Pilotti 4, Prandi 5, Anselmo 2, Alessandria 3, Petroi, Terzolo 2, Colletta (L). All: Salomone-Trevisol.

EVO Elledue: Dell’Oste Alice (K) 9, Del Nero, Furegato 5, Farina 7, Fracchia 3, Gatti, Deambrogio 1, Corino, Falabrino 4, Imarisio (L). All: Ruscigni-Montagnini.

Servizi vincenti: Alba 12, EVO Elledue 3.

Errori al servizio : Alba 16, EVO Elledue 11.

Punti a muro: Alba 6, EVO Elledue 4.

Classifica: Alba Volley 6, Vega Rosaltiora 3, EVO Elledue 0.

Alba (CN) – Si decide ad Alba, in casa della squadra detentrice del titolo, il nome di una delle magnifiche quattro che a Gennaio si contenderanno la Coppa Piemonte 2018-19. Nel primo match di giornata le ragazze di coach Salomone hanno affrontato il Vega Rosaltiora Verbania. Vittoria delle padrone di casa per 3-0 al termine di un match molto più equilibrato di ciò che dica il risultato.

L’EVO Elledue ha iniziato la propria giornata di Coppa Piemonte sfidando il Rosaltiora. Gara tra due neo-promosse in C, entrambe a suon di record. Coach Ruscigni schiera in avvio Del Nero, Furegato, Fracchia, Farina, Deambrogio, Dell’Oste e Imarisio (libero). Il Rosaltiora risponde con Ghisleni, Annalisa Cottini, Velsanto, Alessi, Sonia Cottini, Magliocco e Folghera (libero). Massima attenzione in avvio, con lunghi scambi che esaltano l’organizzazione difensiva di entrambe le squadre: 4-4 dopo dieci minuti! Il primo significativo break è del Vega: 6-10 con Annalisa Cottini in battuta. Coach Ruscigni usufruisce del time-out, ma la marcia del Verbania non si arresta. In attacco l’EVO non punge e l’ace di Ghisleni decreta il 9-16 ed obbliga la panchina rossoblu alla seconda sospensione. C’è poco da dire: il Rosaltiora gioca meglio e merita ampiamente il cospicuo vantaggio. Sul 12-20 Corino e Gatti sostituiscono Furegato e Del Nero. Il doppio cambio si chiude dopo un parziale recupero che fissa il punteggio sul 18-23. Tardiva la reazione rossoblu e Rosaltiora che passa in vantaggio con il settimo personale di Sofia Cottini: 19-25. Dell’Oste e compagne, nella seconda frazione provano ad essere più incisive in attacco. Entra in gioco il muro e Furegato da posto due mette a terra i primi palloni della sua partita: 14-12. Il Rosaltiora non si scompone e ribalta la situazione anche grazie ad una decisione dubbia del primo arbitro: 14-16. Gatti e Corino per Del Nero e Furegato, ma sono gli aces di Annalisa Cottini a fare la differenza: 17-20. Il solco che il Vega traccia dai nove metri è oltremodo decisivo e il time-out di coach Ruscigni sul 18-22 non cambia l’inerzia del match. Il 2-0 del Verbania (21-25) è inevitabile e per tenere viva la speranza di qualificazione occorre dare tutto nel terzo set. Gatti per Deambrogio, Ossola per Annalisa Cottini e terza frazione che inizia con due errori della Elledue (Dell’Oste-Furegato). Dopo un’ora di gioco Sofia Cottini viene fermata a muro sulla parallela da Del Nero, ma trattasi di colpi ad intermittenza, non sufficienti per impensierire il Vega: 4-6. Monster-block di Ghisleni sulla capitana rossoblu e time-out Ruscigni sul 5-9. Un paio di muri anche per l’EVO (Del Nero-Farina) ed un ace di Dell’Oste valgono il pareggio a quota 10. Contro-break del Rosaltiora ed inversione di campo sul punteggio di 10-13. Diagonale nei tre metri di Sofia Cottini, muro di Fracchia e veloce al centro di Velsanto per il 13-16 del Vega. C’è una squadra in campo che sta giocando il sesto set consecutivo… ma proprio non si nota! Complimenti sinceri al team di coach Cova, una formazione che si muove a memoria. Falabrino per Fracchia ed ennesimo colpo di coda di un Verbania che merita questo tre a zero: 14-20. Fallo di formazione fischiato alla Elledue sul 15-22: è il segnale di resa incondizionata. Quello maturato tra Vega ed EVO (20-25) è un risultato che ai fini della qualificazione non premia le ragazze di coach Cova (visti i parziali di gara uno), ma che trasforma in poco più di un’amichevole la sfida tra Alba Volley ed Elledue. Pensare di battere il team di casa per 3-0 concedendo meno di 60 punti è oltremodo utopistico. Rispetto al match di sabato scorso con il Monviso Volley, l’EVO Elledue non è riuscita a cambiare marcia. La differenza l’ha fatta la qualità di un avversario che nei momenti importanti della gara non ha regalato nulla alle rossoblu.

Gli allenatori di Alba ed Elledue propongono in avvio gli stessi sestetti che avevano iniziato la sfida di campionato dello scorso 13 ottobre. Del Nero, Furegato, Farina, Fracchia, Deambrogio, Dell’Oste, Imarisio da una parte, Montefameglio, Nada, Sciolla, Barroero, Olocco, Pilotti, Colletta dall’altra. Out Giulia Gatti, che nella fase di riscaldamento è messa ko da una pallonata. Motivazioni e morale sono maggiori nella metà campo di casa ed il 6-2 albese ne è la conseguenza. Difesa ospite immobile (o quasi) con Nada e Barroero che si concedono anche un po’ di accademia: 9-3 e time-out Elledue. L’Alba Volley gioca un set al limite della perfezione, ma dall’altra parte della rete c’è solo la brutta copia della EVO. Corino per Del Nero sul 12-3 e cambio palla di Farina dopo 8 servizi consecutivi di Irene Nada. Ormai è palese ed è solo una questione di tempo: Barroero e compagne difenderanno il trofeo conquistato l’anno scorso nelle final-four del prossimo mese di gennaio. Le rossoblu assomigliano ad un pugile costretto all’angolo e qualche atteggiamento evitabile della panchina di casa, forse servirà per scuotere l’orgoglio di Dell’Oste e compagne in proiezione futura. Ad iniziare dalla trasferta di sabato venturo in quel di Trecate. Tutto troppo facile per L’Alba Volley: 25-15 (4 punti in attacco per le ospiti) e la festa-qualificazione (meritata) può iniziare. Nemmeno ad obiettivo raggiunto coach Salomone cambia interpreti sul rettangolo di gioco. Al tecnico albese non basta vincere. Falabrino per Deambrogio e Corino per Del Nero i soli cambi possibili per Marco Ruscigni ed entrambi sono effettuati dopo l’inversione di campo. Carlotta in posto due è un inedito assoluto. Segnali incoraggianti (5-7) per la Elledue e sostituzione Anselmo-Pilotti nelle file bianco-blu. Sorpasso Alba (8-7) e time-out ospite. Non manca certo il coraggio, ma la determinazione delle padrone di casa impedisce ogni tentativo di rimonta: 14-8. E’ uno stillicidio ed è un vero peccato perché il volto della formazione di Ruscigni e Montagnini non è certo questo. Quella che sta prendendo forma è una severa lezione, impartita da due buonissime squadre. Se verrà “digerita” nella maniera giusta, potrà dare carica in vista dei prossimi impegni di campionato. Nessuno si era illuso. Una neo-promossa deve lavorare parecchio e soprattutto non si deve deprimere di fronte a debacle come questa. La qualificazione alla seconda fase di Coppa Piemonte di per se è già un risultato lusinghiero. Resettare in fretta ed avere pazienza, perché tra 48 ore potrebbe arrivare un riscatto da tre punti. Complimenti al Rosaltiora ed onore all’Alba Volley, perché non è facile centrare due final-four in due anni. Il secondo set termina con il punteggio di 25-15, con Olocco a bombardare da posto quattro. Petroi, Prandi, Alessandria ed Anselmo in campo per Alba nella terza ed ultima frazione. Si viaggia su frequenze molto diverse (5-1) e se fossimo nel baseball la partita sarebbe interrotta qui per manifesta superiorità. A dire il vero, probabilmente lo è, poiché trattasi di sprofondo rossoblu: 11-2. Inversione di campo sul 13-4. Il definitivo 3-0 giunge puntuale (25-21) nonostante i tentativi ospiti con Furegato, Dell’Oste e Falabrino. Il traguardo dei quarti di Coppa è stato per la EVO Elledue il massimo ottenibile. Tuttavia, si poteva uscire dalla manifestazione con una prestazione più dignitosa. Se rabbia c’è, dopo una giornata così, lo vedremo sabato prossimo al Pala-Agil.

post

SECONDA FASE DI COPPA PIEMONTE

Giovedì primo novembre si svolgerà la seconda fase della Coppa Piemonte di pallavolo. Il torneo femminile ha promosso 12 formazioni al termine dei tre turni autunnali e queste ultime saranno suddivise in quattro raggruppamenti da 3 team ciascuno. La composizione dei triangolari è dettata dall’ordine di classifica. Le ragazze di Ruscigni e Montagnini si sono sistemate al sesto posto della graduatoria generale ed avranno come avversarie le formazioni che hanno conquistato il terzo e l’undicesimo posto. La giornata verrà gestita in casa dei tre club che occupano le prime quattro piazze della classifica. Le sedi della seconda fase saranno: Bra, Lasalliano, Alba e Savigliano.

Questo i quattro raggruppamenti. Girone A: Libellula Bra, Santena’95, Isil Almese. Girone B: Ascot Lasalliano, Pizza Club Novara, Team Volley Lessona. Girone C: L’Alba Volley, EVO Elledue, Vega Rosaltiora VB. Girone D: Savigliano VBC, Rivarolo Volley, ASD San Paolo TO.

Quindi, le avversarie delle rosso-blu saranno L’Alba Volley, che usufruirà del fattore campo ed il Vega Rosaltiora Verbania, squadra iscritta al girone A di serie C regionale. Le regole saranno le stesse della prima fase. Partite sulla lunghezza di tre set ai 25 con un punto assegnato per ogni frazione conquistata. Al termine del concentramento, guadagneranno la final-four di gennaio 2019, le prime 4 squadre classificate. Dell’Alba Volley abbiamo parlato a lungo di recente, in occasione del match che ha inaugurato l’attuale campionato. Dopo aver condiviso con Barroero e compagne ben cinque set, possiamo affermare che tutto quello che di buono avevamo detto e scritto ha trovato conferma sul campo. L’Alba Volley è formazione vera, preparata ed organizzata. Fortissima al centro con Barroero e Sciolla, pungente da posto due con una Irene Nada davvero notevole. L’EVO Elledue ha lottato per oltre due ore e probabilmente questa piccola opportunità di rivincita in Coppa, arriva al momento giusto. Anche per valutare i progressi di Dell’Oste e compagne. Alba Volley ed EVO dovranno però prestare molta attenzione al Vega Rosaltiora. Il team di Verbania non verrà certo per recitare la parte di vittima sacrificale, anzi! La squadra di coach Cova è neo-promossa in C esattamente come la Elledue e ad una base solida ha aggiunto atlete di grande esperienza. Una su tutte, Ramona Ghisleni. L’ex prodotto del vivaio del Romagnano, ha avuto una carriera splendida, costellata da parecchie soddisfazioni. I serie A con Chieri, ma non solo. Ramona Ghisleni era stata molto vicina alla Junior ai tempi della gestione di coach Beppe Galli. Completano il sestetto del Rosaltiora l’opposto Annalisa Cottini, le centrali Ferrari e Velsanto, le schiacciatrici Sonia Cottini e Magliocco ed il libero Folghera.

La seconda fase di Coppa Piemonte arriva a cavallo tra la terza e la quarta giornata di serie C, a tre giorni dalla trasferta di Trecate, quartier generale dell’Igor Novara.

L’Alba Volley: Barroero (K), Montefameglio, Sciolla, Olocco, Nada, Pilotti, Prandi, Anselmo, Alessandria, Petroi, Terzolo, Colletta (L). All: Salomone-Trevisol.

EVO Elledue: Dell’Oste Alice (K) , Del Nero , Furegato , Farina , Fracchia , Gatti , Deambrogio , Corino , Falabrino , Dondi , Imarisio (L). All: Ruscigni-Montagnini.

Vega Rosaltiora VB: Ghisleni (K), Cottini A., Velsanto, Ferrari, Cottini S., Magliocco, De Giorgis, Ossola, Caravati, Alessi, Folghera (L), Zampini (L). All: Cova-Franzini.

(nelle foto Giorgia Imarisio, Ramona Ghisleni e Matilde Barroero)

post

EVO ELLEDUE ALLA SECONDA FASE DI COPPA PIEMONTE

Basterebbe un dato statistico per far capire quanto sia stato importante e difficile superare la prima fase di Coppa Piemonte Femminile. Negli ultimi 20 anni (dal 1998 ad oggi) le rossoblu di Casale Monferrato sono riuscite a centrare questo obiettivo di inizio stagione solo in tre occasioni (compresa questa). Le gare di Coppa sono da sempre “calcolate” come delle amichevoli da giocare alla ricerca dell’amalgama e della condizione fisica in vista del campionato. Tuttavia, amichevoli non sono, perché in palio ci sono i tre punti e la Coppa regionale è pur sempre un trofeo da vincere e tra le altre cose è uno dei pochi che manca nella bacheca juniorina. Al termine delle partite del sabato, la classifica premia la EVO Elledue con un brillantissimo sesto posto. In teoria, solo due formazioni potrebbero rientrare nel lotto delle magnifiche 12 a patto che vincano per 3-0 i due match di domenica pomeriggio. In tal caso, Lingotto e Isil Almese (attualmente a quota 8), scalzerebbero Team Volley Novara e S2M Mokaor Vercelli. Il superamento del turno è quindi in ghiaccio per la squadra capitanata da Alice Dell’Oste.

CLASSIFICA COPPA PIEMONTE

1 Libellula Volley Bra 17

2 Ascot Lasalliano 17

3 L’Alba Volley 17

4 VBC Savigliano 16

5 Rivarolo 14

6 EVO Elledue 14

7 Pizza Club Novara 14

8 Team Volley Lessona 14

9 Vega Verbania 13

10 San Paolo ASD 13

11 Tean Volley Novara 13

12 S2M Mokaor Vercelli 13

N.B. Lingotto e Isil Almese pt.8 con due gare da disputare.

LE DICHIARAZIONI DEL DOPO PARTITA

Marco Ruscigni: “Ho visto delle buone cose, soprattutto nella seconda partita quando siamo stati costretti a recuperare. Il bilancio di Coppa Piemonte è positivo. Rispetto all’anno scorso sono stati fatti passi in avanti davvero notevoli. Se siamo pronti per il campionato? Avrei preferito avere più tempo, ma sono consapevole che per scoprire quale sarà il nostro ruolo all’interno di questa serie C, servono una decina di gare contro avversari di livello. Ho diverse alternative, ma affermare che abbiamo ad oggi un’idea precisa di squadra non lo possiamo fare. Lo scopriremo partita dopo partita ad iniziare dalla sfida di sabato prossimo, quando al Centogrigio arriverà L’Alba Volley, team costruito per la promozione”.

Alice Dell’Oste: “Credo che, rispetto ad un anno fa, il gruppo è più consapevole delle proprie capacità. Oggi sono stati commessi errori frutto di una inspiegabile frenesia che ad un certo punto ci ha prese per mano. Dobbiamo essere più fredde nei momenti topici dei singoli set, ma sono convinta che riusciremo a cancellare anche queste lacune? L’Alba Volley? Sono forti ed è fuori discussione, ma sono contenta di affrontarle subito perché c’è tanta curiosità di scoprire il livello di chi lotta per le prime posizioni. Anche e soprattutto per confrontare il nostro”.

Pietro Del Nero: “Superare il turno in Coppa Piemonte è di per se un ottimo risultato. Dove potrà arrivare questa squadra? Impossibile dirlo ora. La serie C è complicata perché non esistono partite senza insidie. Inizieremo con un avversario tosto, ma sono sicuro che il pubblico saprà sostenerci adeguatamente. Sarà un match dove avremo tanto da guadagnare e molto poco da perdere, ma non per questo partiremo in svantaggio. Vogliamo disputare una gran partita ed essere all’altezza della situazione”.

 

post

PRESENTAZIONE SECONDA GIORNATA COPPA PIEMONTE

Le rossoblu della EVO Volley, in occasione della seconda giornata di Coppa Piemonte, debutteranno in casa nel pomeriggio di domenica 23 settembre. La formazione di Ruscigni e Montagnini giocherà le partite di campionato ad Alessandria (prime sei) e a Casale (restanti sette), negli impianti del Centogrigio e della Tensostruttura del PalaFerraris. In Coppa, Alice Dell’Oste e compagne, affronteranno in sequenza Ovada e TeamVolley Lessona proprio nella “Tenso” adiacente al Palazzetto dello sport casalese. Alle 15.00 sfida alle biancorosse del Cantine Resore (squadra di serie C), alle 18.00 match tra rossoblu e biellesi (formazione di serie D). Dopo il debutto avvenuto a Novi Ligure, coach Ruscigni proseguirà nella ricerca del miglior assetto in vista del campionato (esordio di fuoco con L’Alba Volley). Il Cantine Resore Ovada nella prima giornata ha affrontato alla Centogrigio Arena, le padrone di casa dell’Alessandria Volley e il neo-promosso (in serie C) Gavi. Due le vittorie, sempre per 2-1. Con 4 punti le bianco-rosse si sono aggiudicate il triangolare mettendo in fila il Gavi (3 punti) e l’Alessandria Volley di coach Massimo Lotta e delle casalesi Dell’Oste e Bessone (2 punti).

Nelle file del Cantine Resore Ovada troviamo alcune “vecchie conoscenze”. Dalla centrale Boido (ex Acqui) alla schiacciatrice Boarin (ex Novi), fino ad arrivare alla grande ex della sfida di domenica pomeriggio: Martina Bianchi. La centrale nativa di Ovada ha disputato diverse stagioni in casacca juniorina. Dalle esperienze in under 18, al debutto in B1, accumulando diverse presenze proprio nel torneo regionale di serie C. Una centrale che ha sempre fatto bene in rossoblu: “Sono al rientro dopo tre anni – commenta Martina – perché ho voluto concentrarmi sullo studio. A marzo dovrei laurearmi in Economia e sono molto felice. Sono altresì contenta di aver ricominciato a giocare, anche se è stato un percorso lungo soprattutto in relazione alla condizione fisica. Ho praticato un po’ di atletica perché dovevo rimettermi in forma a livello muscolare ed ora proverò a dare una mano alle mie compagne affinchè possa essere una stagione tranquilla, impreziosita da qualche soddisfazione”. Non sarete nello stesso girone della EVO Elledue: “E mi dispiace molto. Torno a Casale molto volentieri perché ho la possibilità di rivedere delle buone amiche e perché ho ricordi importanti legati alla mia esperienza in rosso-blu”. Oltre a Bianchi, un altro grandissimo ex farà parte della sfida: coach Roberto Ceriotti.Già allenatore della Pallavolo Acqui, Ceriotti era stato fortemente voluto dal Maresciallo Furione per il team di B1 e per dirigere tutto il Settore Giovanile. Suo (con Montagnini da secondo) lo scudetto regionale che permise alla Junior di partecipare alle finali nazionali in Val Chiavenna. Rimane quello il punto più alto nella storia recente del vivaio rosso-blu e di quel gruppo faceva parte Giulia Gatti, oggi schiacciatrice della EVO Elledue.

Il TeamVolley Lessona nella prima giornata ha giocato in casa ospitando il Volley Bellinzago (serie D) e il Team Volley Novara (stesso girone della EVO in serie C). Coach Marco Ferrero può contare su una “rosa” composta dalle ragazze dell’under 16, con l’aggiunta di alcune giocatrici più esperte come ad esempio Clarissa Graziola. Sabato scorso le laniere hanno raccolto un solo punto: 1-2 con Bellinzago e 0-3 con il Team Volley Novara.

La EVO Elledue proverà a totalizzare il maggior numero di punti sfruttando il fattore-campo, ma soprattutto cercherà di dare velocità, precisione ed esplosività ad un gioco che dovrà caratterizzare l’intero campionato delle rossoblu.

Seconda giornata (Casale Monferrato): EVO Elledue, Cantine Resore Ovada, TeamVolley D.

Terza giornata (Gavi): Gavi Volley, EVO Elledue, San Rocco Novara.