post

UNDER 13: FUOCO E FIAMME NELLA GARE DI ESORDIO

U13 Eccellenza: PGS Ardor-Pavic Romagnano-3-0

(26-24 / 25-21 / 25-15)

PGS Ardor: Granziero (K), Minetti, Viazzo, Vallin, Senno, Kadiu, Ferrari, Noto, Braggio. All: Leporati-Mazzucco.

U13 Interprovinciale: PGS Ardor-Team Volley NO-3-0

(25-6 / 25-3 / 25-5)

PGS Ardor: Taverna (K), Maino, Drainekh, Ayed, Berrutti, Balla, Koci, Pettinato, Losurdo, Gjyli, Guaschino, Botteon. All: Mazzucco-Leporati.

Week-end magico per le formazioni under 13 della PGS Ardor. Il debutto nei rispettivi campionati non poteva essere più brillante di così. Nel torneo di Eccellenza le bianco-rosse si impongono per 3-0 sul Pavic Romagnano. La sfida, che nel recente passato ha caratterizzato i quarti di finale interprovinciali, non ha tradito le attese. Primo set combattutissimo e vinto dalle ardorine ai vantaggi. Anche nella seconda frazione il Pavic crea parecchi problemi alle casalesi, ma nella terza, dopo un meritato doppio vantaggio, Romagnano crolla. Tre punti pesantissimi, ottenuti con grande merito.

Bravissime le under 13 interprovinciali. Una “rosa” molto giovane, che ha brillato nel tre a zero inflitto al TeamVolley Novara. I parziali sono eloquenti. La PGS Ardor ha dominato il match dal primo all’ultimo pallone.

post

ESORDIO SFORTUNATO PER LE UNDER 14 IN CSI

La Bollente Acqui-Junior Volley-3-0

(25-19 / 25-19 / 25-16)

EVO Elledue Junior: Mesk (K) 4, Nikoci, Azzarito 1, Abate, Oltolini 1, Adimi, De Filippis 1, Figliuolo 2, Taga , Osmeni. All: Bargero.

Acqui Terme – Un vero peccato. Con un pizzico di fortuna in più le ragazze di Alice Bargero sarebbero potute tornare da Acqui Terme con un risultato positivo. Un punto era nelle corde delle rossoblu, ma al Mombarone nel debutto in CSI, ci si è trovati di fronte un team composto da soli ragazzi ed il “peso” in attacco si è sentito eccome. La Junior non ha rimpianti. La squadra ha dato tutto e si è battuta con onore. Alcune ragazze sono scese in campo per la prima volta nel corso della stagione e proprio non si poteva chieder loro di più. Domenica 10 (ore 15.30 alla palestra Dante) ci sarà l’occasione per un pronto ed immediato riscatto. Gara di CSI contro il Valle Belbo.

post

ESORDIO COMPLICATO PER L’UNDER 14

EVO Volley-Junior-3-0 ( 25-21 / 25-13 / 25-12)

EVO Volley: Marku (K), Cipolla, Goffy, Armeta, Filip, Gradito, Mercadante, Olivieri, Colasanti, Barisone. All: Scarrone.

Junior: Mesk (K) 7, Taga 2, Kadiu, Ferrari 4, Braggio 2, Adimi, De Filippis 2, Figliulo 2. All: Delmiglio.

Alessandria – Il calendario ha regalato alle rossoblu di Serena Delmiglio il debutto più difficile che ci potesse essere. Alla CentoGrigio Arena le juniorine hanno affrontato le padrone di casa della EVO Volley, formazione candidata al successo finale in questa categoria. Tuttavia, rispetto al recente torneo under 13, le rossoblu hanno giocato decisamente meglio. Nella prima frazione si è lottato punto a punto, cedendo solo in dirittura di arrivo per 25-21. Non male davvero. La seconda e la terza frazione hanno fatto registrare un leggero calo in tutti i fondamentali, ma quello che ha fatto la differenza è arrivato dalla metà campo avversaria. Alessandria ha alzato i ritmi, migliorando la qualità della fase offensiva. In occasione della seconda giornata le juniorine osserveranno un turno di riposo.

 

post

UNA VITTORIA E UNA SCONFITTA ALL’ESORDIO IN COPPA

Pallavolo Novi-EVO Elledue-2-1

(25-20 / 21-25 / 25-16)

Pallavolo Novi: Cozzi (K) 13, Botta 6, Pelizza 3, Cantini 7, Lamberti, Pistarino, Barco, Scotti 6, Massa 8, Ianigro, Basilicata (L). All: Gombi.

EVO Elledue: Dell’Oste Alice (K) 5, Del Nero 1, Furegato 9, Farina 7, Fracchia 7, Gatti 4, Deambrogio 3, Corino, Falabrino, Dondi, Imarisio (L). All: Ruscigni-Montagnini.

Servizi vincenti: Novi 6, EVO Elledue 3.

Errori al servizio : Novi 13, EVO Elledue 6.

Punti a muro: Novi 6, EVO Elledue 7.

EVO Elledue-Pallavolo Valenza-2-1

(25-11 / 14-25 / 25-17)

EVO Elledue: Dell’Oste Alice (K) 4, Del Nero 3, Furegato 13, Farina 10, Fracchia 4, Gatti 2, Deambrogio 4, Corino 1, Falabrino 5, Dondi 3, Imarisio (L). All: Ruscigni-Montagnini.

Pallavolo Valenza: Milanese, Ricci 6, Amisano I., Bera 4, Ylli, Amisano M., Panza 3, Garrone 1, Sossai 11, Mura 5, Checchin (L), Bonetto (L). All: Valentini.

Servizi vincenti: EVO Elledue 7, Valenza 3.

Errori al servizio : EVO Elledue 5, Valenza 4.

Punti a muro: EVO Elledue 5,Valenza 4.

Novi Ligure (AL) – Prima uscita ufficiale della stagione per le ragazze della EVO Elledue. Nel palazzetto di Novi Ligure le rosso-blu affrontano in sequenza le padrone di casa e la Pallavolo Valenza. La prima sfida vede l’una di fronte all’altra, due squadre di serie C che si conoscono a menadito. Per entrambe nessuna amichevole pre-Coppa e debutto assoluto per questo 2018-19.

Padrone di casa in campo con Cozzi, Pelizza, Massa, Barco, Cantini, Scotti e Basilicata (libero). Gli ospiti replicano con Del Nero, Furegato, Farina, Fracchia, Gatti, Dell’Oste e Imarisio (libero). L’avvio di gara è caratterizzato da tre pallonetti vincenti che fanno breccia nella difesa rosso-blu. Al quarto punto consecutivo (4-0), coach Ruscigni chiede tempo e la risposta è il primo punticino (muro di Fracchia) della stagione. Le ragazze di coach Gombi trovano spesso e volentieri una difesa ospite disattenta e mantengono un vantaggio di tre lunghezze: 9-6. A complicare il tentativo di rimonta, un fallo di posizione sulla battuta di Cantini (12-8). Gatti trova una diagonale nei tre metri e Furegato piazza un pallone intelligente da seconda linea per il 13-11. Novi, sfruttando un paio di errori in attacco delle Elledue, fissa il punteggio sul 18-14 e la panchina EVO chiede il secondo time-out. Anche coach Gombi usufruisce di una sospensione discrezionale (19-17) con le ospiti tornate a meno due. Massa e Cozzi rimettono le cose a posto e sul 24-18 sono tanti i set-point per le bianco-celesti. Gatti e Farina ne annullano due, ma il team di casa chiude con un meritato 25-20. Deambrogio per Furegato (7 punti e 5 errori nel primo set), con Gatti spostata sulla diagonale del palleggiatore. La formazione di Ruscigni sembra risentire più delle avversarie della preparazione atletica. In attacco il gesto tecnico non è accompagnato da una adeguata esplosività fisica. Occorre giocare con intelligenza e le due soluzioni consecutive trovate da Dell’Oste in posto quattro, sembrano indicare la via giusta: 5-9 e time-out Novi. Gli scambi diventano più lunghi e Del Nero in difesa ricorda a tutti che conosce bene gli angoli di questa palestra. Doppio ace di Dell’Oste e massimo vantaggio per la EVO Elledue: 7-14. Cozzi con la consueta maestria tiene a galla la propria squadra (9-14), ma quando il muro ospite sale in cattedra (10-17) bisogna trovare traiettorie al limite dell’impossibile. La prima linea composta da Deambrogio-Farina-Gatti diventa protagonista del secondo set: 10-18 e time-out Novi. Tre errori consecutivi in attacco (13-18) prima del pallonetto di Gatti che sembra togliere l’EVO dall’empasse. Lo scambio del 17-21 conduce alla sospensione di coach Ruscigni ed è chiuso da Cozzi dopo tre tentativi andati a vuoto delle ospiti. Del Nero gestisce bene il gioco e sceglie Fracchia come terminale offensivo: 19-24. La vittoria nel secondo set arriva grazie ad un muro di Deambrogio: 21-25. Nella terza ed ultima frazione Furegato rientra ed è Gatti a farle posto in sestetto (nel ruolo di opposto). Applausi a scena aperta dopo il primo scambio (il più lungo e spettacolare del match), al termine del quale Corino rileva Del Nero. La quantità di errori gratuiti commessa dagli attaccanti EVO (8-2) obbliga Ruscigni al time-out. Novi capisce che è il momento di affondare il colpo (12-6) e doppia le avversarie con relativa semplicità. Nemmeno il secondo time-out scuote la Elledue: 13-6 e inversione di campo. L’espressione quasi rassegnata di Deambrogio dopo un pallonetto difendibile di Cantini (14-6) la dice lunga e da ulteriore slancio alle padrone di casa. La terza frazione è praticamente a senso unico. Novi fa accademia (17-9), mentre la Elledue prova a rimettersi in carreggiata. Quanto conta l’entusiasmo quando la condizione non è ottimale! E la EVO in questo set ha mollato gli ormeggi troppo presto, consegnandosi alle avversarie. Due muri (Fracchia e Farina) e un fallo di doppio palleggio di Botta (20-14) fanno scattare il time-out di coach Gombi. L’ex allenatore del Gavi non vuole cali di tensione e la squadra risponde mettendo la parola fine al match: 25-16.

Nella seconda gara della giornata le ragazze di Ruscigni e Montagnini condividono il rettangolo di gioco con le cugine della Pallavolo Valenza. La squadra di coach Valentini si presenta con Amisano, Bera, Ylli, Panza, Sossai, Milanese e Checchin (libero). La EVO Elledue risponde con Del Nero, Furegato, Falabrino, Farina, Dell’Oste, Dondi e Imarisio (libero). L’equilibrio iniziale viene spezzato da Furegato e da Farina, autrici del break che costringe Valenza alla sospensione discrezionale: 10-6. La differenza fisica è oltremodo evidente e la prima linea rosso-blu attacca senza l’opposizione del muro (15-6). Garrone per Milanese: coach Valentini prova a cambiare il palleggiatore. Falabrino fa la voce grossa da posto tre, mentre Sossai prova a tenere Valenza in linea di galleggiamento. L’ace di Furegato (7 punti ed un solo errore) fissa il 24-11 e la chiusura arriva subito dopo, con una parallela fuori campo di Sossai: 25-11. Gatti e Corino per Dell’Oste e Del Nero e si riprende dopo l’inversione di campo. Valenza risponde al 4-1 iniziale della EVO e si porta in vantaggio per 4-6. Falabrino-Gatti e frazione di nuovo in parità (6-6), ma le valenzane non mollano (6-11) ed obbligano Ruscigni al time-out. Lo svantaggio rosso-blu aumenta vistosamente (bene Ricci da posto due) e sul punteggio di 6-16 la panchina della EVO vuol parlarci su. Niente da fare: Valenza serve bene e gestisce la rigiocata in modo impeccabile: 9-21. Un punteggio che assume contorni imbarazzanti e che offrirà parecchi spunti alla ripresa degli allenamenti. Il pareggio nel match, Valenza lo certifica con un meritatissimo 14-25. Del Nero, Furegato, Farina, Fracchia, Dell’Oste, Deambrogio e Imarisio. Per l’ultimo set della giornata coach Ruscigni si affida alla formazione che ha terminato la gara con Novi. Il “classico” si infiamma. Rovesciata da terra di Imarisio e successivo errore in attacco di Valenza. La prodezza di Giorgia, unita alle conclusioni successive di Deambrogio e Fracchia, fanno ritrovare il vantaggio alla EVO Elledue (7-4). Time-out per coach Valentini con il tabellone fisso sul 10-5. Il ritmo non è altissimo, ma la caratura tecnica superiore di Dell’Oste e compagne, inizia a farsi sentire. Non resta che gestire il vantaggio, ma purtroppo per la Elledue i guai non sono ancora finiti. Valenza proprio non ci sta e vuole regalarsi l’impresa: 13-10 all’inversione di campo. Bisogna soffrire su tutti i palloni e per questo deve essere dato merito a Checchin e compagne (15-14). Il cambio palla funziona e la EVO rimane in vantaggio grazie all’intesa tra Del Nero e Farina. Con fatica si giunge al 20-17 (parallela di Furegato) ed al secondo time-out discrezionale del Valenza. Quando Fracchia piazza il muro del 22-17 e la capitana mette a segno l’ace del 23-17, possono finalmente scorrere i titoli di coda. Tre punti, una vittoria ed una sconfitta, entrambe di misura: questo il bilancio della prima uscita della EVO Elledue. Che ci fosse da lavorare era più che pronosticabile. Che il fisico possa essere la carta vincente della stagione, anche. Tuttavia, non sarebbe corretto non sottolineare e non analizzare le due cose che più di altre non hanno funzionato. Manca la continuità, soprattutto nella fase di cambio palla e l’autostima deve crescere perchè le qualità per far bene ci sono. Eccome se ci sono!