post

LA PRIMA SCONFITTA DELLA STAGIONE

VBC Savigliano-Euromac Mix EVO-3-2

(14-25 / 22-25 / 25-19 / 25-23 / 15-13)

VBC Savigliano: Galletto L.(K) 2, Racca 4, Soffientino 10, Gallina 20, Costamagna 1, Galletto M. 7, Carta 19, Demichelis 1, Ruggiero 1, Grassi 1, Milanesio (L), Flueras (L). All: Porello-Actis.

EVO Volley: Del Nero (K) 4, Furegato 16, Soriani 26, Fracchia 8, Dametto 10, Angeleri 1, Coppo, Ferrari, Deambrogio, Cattaneo, Kokoshi, Dell’Oste (L), De Simone (L). All: Ruscigni-Montagnini.

Servizi vincenti: Savigliano 6, EVO 6.

Errori al servizio : Savigliano 14, EVO 15.

Punti a muro: Savigliano 7, EVO 6.

Savigliano (CN) – In sede di presentazione, la sfida di Savigliano era stata annunciata come una delle più complicate della regular-season e la previsione è stata quanto mai azzeccata. La giovane compagine cuneese ha messo in mostra tutto il proprio potenziale per regalarsi una serata di gloria contro la capolista. L’Euromac Mix EVO ha recuperato il libero Dell’Oste e lo ha affiancato ad un sestetto di partenza composto da Del Nero, Furegato, Soriani, Fracchia, Dametto e Angeleri. Il VBC padrone di casa ha proposto la seguente formazione: Lucia Galletto, Grassi, Demichelis, Racca, Gallina, Martina Galletto e Flueras (libero). Il turno in battuta di Soriani, unito alla precisione di Dametto in attacco, conduce il match alla prima sospensione, richiesta da coach Porello: 2-7. Sul 5-10 le padrone di casa non sono ancora riuscite ad incidere in attacco. Quattro errori dalla linea dei 9 metri rappresentano la “voce” più importante nello score del Savigliano. Ruggiero per Lucia Galletto: cambio in regia sul 5-12. Il monologo rossoblu prosegue e dopo il diagonale nei tre metri e mezzo di Furegato, la panchina saviglianese chiede il secondo time-out: 5-14. Il primo punto del Savigliano lo firma Racca (primo tempo) sul 7-15. Si completa la prima rotazione e quando Soriani torna al servizio, l’Euromac Mix è in vantaggio per 9-17. Muro di Fracchia (10-20). Carta per Demichelis (11-20), prima del diagonale di Furegato che strappa l’applauso del pubblico. Il dato relativo agli errori al servizio (7) per fortuna non incide più di tanto. Il punto del 14-25 è frutto di quell’ace (Furegato) tanto cercato e finalmente arrivato nelle “casse” delle rossoblu. Il break di 1-4 che apre la seconda frazione, manda su tutte le furie coach Porello ed è subito time-out. La panchina bianco-blu invita a mettere sul parquet coraggio ed un pizzico di sana incoscienza, invece di subire passivamente il ritmo della capolista. Ace numero tre per Furegato, salvataggio acrobatico di Dell’Oste e Savigliano opera il cambio palla solo sul 2-7. Il turno in battuta della capitana del “delfino” vale il 4-7, ma è stoppato dalla fast di Soriani. Ora c’è partita, perché la fase di cambio palla del Savigliano funziona: 7-9. L’ingresso di Chiara Soffientino in posto due, ha rivitalizzato l’attacco delle saviglianesi. Martina Galletto porta il team di casa al meno uno (11-12), seguita a ruota da Gallina per il 12-13. Pareggio a quota 13 e sorpasso sul 14-13 con un ace di Gallina. Time-out Euromac Mix, anche per registrare una ricezione che improvvisamente vive di troppi alti e bassi. Del Nero si affida a Soriani e l’EVO rimette la testa avanti: 14-16. Si gioca punto a punto, pagando a caro prezzo ogni singolo errore. Dametto “vede” lo spazio in parallela e coglie il 16-19. Il tocco di mancino di Del Nero (17-21) obbliga il “delfino” al time-out. Ruggiero per Soffiantino (in battuta sul 19-22), con il muro scomposto delle bianco-blu che non argina il diagonale di Furegato: 19-23. Ottima la fast di Gallina (20-23) cha spalanca la via all’ace di Martina Galletto. L’Euromac  Mix si porta sul 21-24 e chiude sul 22-24, sempre con il proprio opposto. Tre muri in fila per Valentina Soriani (4-6) ed inizia il terzo set. Fracchia, con una veloce dietro, chiude lo scambio più lungo del match (5-7), poi ci pensa la capitana dai nove metri. Il Savigliano rimane in partita commettendo meno errori rispetto alle frazioni precedenti. Nel frattempo sono entrate in campo Costamagna e Milanesio (centrale e libero). Sul punteggio di 9-9 si iscrive al tabellino dei marcatori Viviana Angeleri. Il Savigliano è più ordinato in questo frangente di partita e merita il vantaggio di 12-11. Coach Ruscigni ferma il gioco per rimettere un po’ di serenità nel suo sestetto. La produzione offensiva dell’EVO Volley si è inceppata. Difesa, difesa e ancora difesa, ma il “delfino” rimane al comando: 17-16. Il quinto muro personale di Gallina, obbliga la panchina ospite al time-out e regala il più due alle padrone di casa: 18-16. Adesso è tutta un’altra partita, perché Lucia Galletto e compagne sono gasate a mille. Massimo vantaggio sul 20-16 e muro in parallela di Martina Galletto che anticipa il cambio tra Furegato e Kokoshi. Inerzia nelle mani delle bianco-blu. Ruscigni chiude il cambio sul 22-17, ma il quarto set è ad un passo: 24-18. Il 25-19 del Savigliano è ampiamente meritato. Sul 2-4 il direttore di gara vede un’invasione del muro ospite ed è un attimo arrivare al 5-4 per il VBC. Si gioca sui dettagli. Imperativo non sbagliare e cogliere al volo le occasioni propizie. Ancora un’invasione “fantasma” e punteggio sul 6-7 per l’Euromac Mix. L’insicurezza del direttore di gara “accende” la partita e sottorete non si fanno prigionieri: 8-9. Furegato sparacchia a lato la parallela del 10 pari, poi è Carta a fare la stessa cosa sul 10-12. A suon di cambi palla si arriva al 15-16 e c’è da soffrire, perché davvero è impossibile ora mettere a terra due palloni di fila. Soriani sorprende la difesa avversaria (17-19) e Carta le risponde piazzando la sfera in zona sei: 18-19. Pareggio a quota 19 e sorpasso Savigliano che obbliga Marco Ruscigni al time-out. 20-19. Regalo di Carta da posto quattro e sospensione discrezionale richiesta dalla panchina del “delfino” sul punteggio di 20 pari. Due punti per parte (22-22) e finale incandescente. Vantaggio bianco-blu (23-22) e time-out Euromac Mix. Dametto per il 23 pari, Gallina per il 24-23 e cambio in battuta tra Ruggiero e Soffientino. La mossa sortisce l’effetto desiderato: ace e 25-23. Questa splendida partita termina con un tie-break, il secondo in stagione per l’EVO Volley. Carta e Soriani ancora protagoniste (3-3), seguite da Dametto e Soffientino: 5-5. Due punti di Racca, uno di Gallina e si cambia campo con il Savigliano in vantaggio per 8-5. Time-out Euromac Mix. Sul 10-6 la partita del Savigliano è tutta in discesa e la capolista si appresta a vivere la prima sconfitta della stagione. Con Fracchia in battuta si arriva al 10-9 e la speranza torna a fare capolino nella metà campo rossoblu. Ace di Furegato e time-out VBC sul punteggio di 11 pari. Anche se San Valentino era ieri, Soriani fa un piccolo grande miracolo e ribalta la situazione: 12-13 e time-out per coach Porello. Carta porta il VBC al match-point: 14-13. E lo concretizza subito dopo con un mani-out: 15-13. Non resta che fare i complimenti ad un Savigliano che, dopo un avvio troppo timoroso, ha saputo compiere una vera e propria impresa. L’Euromac Mix conosce il sapore della sconfitta, al termine di una gara tirata, combattuta e lottata fino in fondo. Ci sono tutti gli elementi per cercare in allenamento i motivi di questo 2-3, ma forse (per onestà intellettuale) è più giusto attribuire i meriti a chi ha vinto. Il “delfino” ha vinto di squadra, cambiando pelle in corsa e trovando dalla panchina l’energia giusta e positiva (oltre ad un considerevole numero di punti). Perché contro questa EVO Volley non ci era riuscito ancora nessuno.

post

LA MIGLIOR PRESTAZIONE DELLA STAGIONE

Omegna-EVO Tre Colli Gavi-1-3

(18-25 / 25-27 / 25-8 / 23-25)

EVO Tre Colli Gavi: Bertelli (K), Rinaldi, Marku, Bernagozzi, Carrea M., Ronzi, Comandini, Scarafia, Traverso, Pagano, Papillo (L), Cazzulo (L). All: Volpara-Barbagelata.

Omegna – La sensazione era che entro poco tempo questa EVO Tre Colli potesse mettere sul piatto della propria stagione, una super prestazione. Lo dicevano i risultati ottenuti nelle ultime settimane, ma soprattutto lo si poteva leggere tra le righe di un miglioramento costante sotto molti punti di vista. Una crescita tecnica e tattica, accompagnata da una consapevolezza che poteva sbocciare in una impresa da ricordare. Il “botto” è arrivato in casa di una delle formazioni più accreditate per il passaggio di categoria. Ad Omegna l’EVO Tre Colli ha disputato la gara perfetta e lo ha fatto con una leggerezza ed una tranquillità che lasciano aperti molti spazi in prospettiva futura. Ricezione esemplare, distribuzione oculata ed un rapporto muro-difesa che ha consentito alla prima linea di scatenarsi contro le stupefatte padrone di casa. Nel primo set l’EVO Tre Colli ha messo all’angolo l’Omegna, nel secondo lo ha obbligato a svegliarsi da un incubo. Nella terza frazione coach Volpara è stato bravo a capire che la rabbia delle padrone di casa poteva togliere molte energie al sestetto titolare. Mini turn-over e poi alessandrine di nuovo in campo per assestare il colpo definitivo, quello che ha steso l’Omegna e che ha regalato a Bertelli e compagne un sabato da incorniciare. Tutte meritevoli di lodi le ragazze del Tre Colli. Traverso perfetta in ricezione; Bernagozzi e Ronzi decisive a muro.

post

PARTITA LA STAGIONE DEI PIU’ PICCOLI

Domenica 8 dicembre a Vercelli, è iniziata la stagione del Circuito Interprovinciale S3, quello che fono a pochi anni fa era chiamato il minivolley. La PGS Ardor di Silvia Genta si è ben comportata e come sempre ha partecipato all’evento con un buon numero di piccoli atleti. Nel torneo RED (2009 e 2010), sesto ed ottavo posto per i bianco-rossi. Nel torneo GREEN a 24 squadre i nati negli anni 2010, 11 e 12 hanno lasciato il segno con un 2°, un 5° ed un 6° posto.

post

LE DATE DELLA NUOVA STAGIONE

In attesa della composizione dei gironi e dei calendari dei campionati di pallavolo femminile per la stagione agonistica 2019-20, illustriamo il planning tracciato dalla FIPAV Piemonte e Valle d’Aosta.

Cinque i gironi femminili: due di serie C e tre di serie D. In provincia di Alessandria sono parecchie le squadre iscritte: EVO Volley, Fortitudo Occimiano, Pallavolo Ovada, Pallavolo Novi (serie C), fono ad arrivare alla Pallavolo Valenza e soprattutto al Volley Gavi (entrambe in serie D). La compagine gaviese, entrata da poco nel Progetto EVO Volley, schiererà una formazione giovane (under 18), frutto dell’unione di vari sodalizi della provincia di Alessandria.

La prima data importante è quella di domenica 8 settembre. A Torino verranno stilati i calendari di serie C e di serie D. Il 21 settembre prenderà il via la Coppa Piemonte. Tre week-end con i soliti triangolari che alla fine premieranno le prime 12 squadre con la qualificazione ai quarti di finale. Le date della prima fase di Coppa Piemonte sono il 21-22 settembre, il 28-29 settembre, il 5-6 ottobre. Una settimana di sosta e poi si partirà con i campionati. La prima giornata è prevista per sabato 19 ottobre. Non ci si fermerà fino a Natale, con il decimo turno programmato per il 21 dicembre. Un week-end super-impegnativo sarà quello del 7-8 dicembre. Sabato si andrà in campo per il campionato; domenica spazio ai quarti di Coppa Piemonte. La sosta di fine anno terminerà sabato 11 gennaio. Tre partite, (11^, 12^ e 13^ giornata) e poi una pausa per consentire di disputare (2 febbraio) le final-four di Coppa Piemonte.  Dalla prima di ritorno si scenderà verso la 22^ giornata (4 aprile) che anticiperà la sosta per le festività pasquali (12 aprile). Dal 18 aprile al 9 maggio per le restanti gare di campionato e poi, spazio agli eventuali play-off e play-out. Gli spareggi promozione inizieranno sabato 16 maggio e si concluderanno il 3 giugno.

post

CALA IL SIPARIO SU UNA STAGIONE STRAORDINARIA

Sabato 4 maggio, alle ore 20.30, l’EVO Elledue disputerà l’ultima partita del proprio campionato di serie C. Alla Tensostruttura di via Visconti arriverà il già retrocesso PVB Canelli, squadra che alcune settimane fa ha cambiato guida tecnica. Al posto di coach Trinchero è arrivato sulla panchina astigiana Roberto Garrone, “vecchia conoscenza” della pallavolo alessandrina. Il neo-allenatore della PVB è cresciuto professionalmente ad Acqui Terme, dove ha seguito le compagini termali dal giovanile alle serie B1. Canelli ultimamente ha conquistato punti preziosi contro avversari sulla carta più forti, ma ciò nonostante non è riuscito ad evitare la retrocessione in serie D. Nelle file giallo-blu spicca il talento di Dal Maso, centrale vicentina con un passato in B1 e con un bagaglio tecnico-tattico da categoria ancora superiore. Quella con il PVB sarà l’ultima gara ufficiale di una stagione straordinaria. Avremo tempo e modo per approfondire il discorso, ma non si può soprassedere su un quarto posto conquistato con assoluto merito. L’EVO Elledue, neo-promossa a suon di record, ha infilato una serie di risultati utili consecutivi (13) che è iniziata proprio a Canelli. Cinquantadue punti in venticinque partite sono tanti e rappresentano la base di partenza per la prossima stagione. Sarà un sabato speciale per tutti, perché quando termina un’annata come questa non potrebbe essere altrimenti. Tuttavia, sarà ancor più particolare ed unico per una delle nostre ragazze. Giorgia Imarisio, casalese DOC classe 1982. Nata pallavolisticamente nel vivaio di Carlo Furione, appenderà le ginocchiere al chiodo. All’orizzonte c’è un matrimonio e soprattutto c’è il giusto progetto di una famiglia con il buon Alberto. E’ strano pensare ad una Giò che lascia la pallavolo agonistica. L’abbiamo vista indossare da protagonista tantissime maglie. Casale, Romagnano e Novi le tappe più importanti e significative di una splendida carriera. Non occorre arrivare in A1 per ritagliarsi uno spazio da “grandi”. Bisogna guadagnarsi il rispetto giorno dopo giorno, allenamento dopo allenamento. Con i fatti e non con le parole. Promozioni a catena, una finale di Coppa Italia di B1 con la Junior di coach Nesic, tutti i titoli provinciali che si potevano conquistare. Ma chi ha conosciuto Giorgia come compagna o come avversaria, sa che non sono i “titoli” ad aver creato questa incredibile atleta. Un carattere forte, alla base di una voglia di vincere con pochi eguali. Una delle ultime “bimbe del Maresciallo” a lasciare il volley giocato. La vedremo di sicuro sui campi da beach o magari ad intraprendere una carriera da allenatrice. Chi lo sa? Una cosa è certa, la vedremo in quella parte più bella della pallavolo di ognuno. Quella dei ricordi indelebili che occupano testa e cuore. Grazie Giò!

PVB Canelli: Dal Maso (K), Ghignone A., Ghignone S., Pesce, Brusaschetto, Di Massa, Cerutti, Pavese, Marinetti, Mogos, Passera, Marengo, Zerbinatti (L), Martire (L). All: Garrone.

Prossimo turno (04-05-2019): EVO Elledue-Canelli (ore 20.30) (3-0); Rivarolo-Igor NO (3-1); Team Volley Lessona-Monviso Volley (3-1); Team Volley NO-Santena’95 (3-0); Oasi Cusio-Libellula Bra (1-3); Novi-La Folgore (3-1); Cuneo Granda Volley-L’Alba Volley (0-3).

Classifica: Libellula Bra 68, L’Alba Volley 62, Team Volley NO 56, EVO Elledue 52, Rivarolo e Oasi Cusio 39, Santena’95, La Folgore e Team Volley Lessona 37, Cuneo 35, Novi 25, Igor Volley 19, Canelli 12, Monviso Volley 7.

Libellula Bra, Alba Volley e Team Volley Novara ai play-off. Igor Novara ai play-out. Canelli e Monviso Volley retrocesse in serie D.

post

IL PRIMO PUNTO DELLA STAGIONE

Virtus AL-EVO Elledue Junior-3-2

(19-25 / 25-15 / 25-20 / 19-25 / 15-12)

Virtus AL: Lanfredi (K), De Gaspari, Bigiordi, Giommoni, Molinari, Pregnolato, Formica, Kolaj, Candlotto.

EVO Elledue Junior: Mesk (K) 17, Ferraris, Kadiu 5, Ferrari 5, Braggio 6, De Filippis, Figliuolo 8, Taga 13, Oltolini. All: Bargero-Delmiglio.

Alessandria – L’EVO Elledue under 14 conquista il primo punto della stagione sul campo della Virtus Alessandria. Il risultato è fin troppo severo con le rosso-blu, che sono arrivate ad un passo dalla vittoria. Bargero e Delmiglio schierano in avvio Braggio, Mesk, Kadiu, Figliuolo, Ferrari e la rientrante Taga. Casale gioca meglio delle avversarie e lottando in ogni scambio riesce ad avere ragione della Virtus con il parziale di 19-25. Il team alessandrino reagisce senza farsi troppo pregare. Nel secondo set riaffiorano i difetti che avevano condizionato le gare precedenti e la Junior non trova continuità nella proposta offensiva. Bello il terzo set, perduto dalle ospiti solo in dirittura di arrivo. E qui bisogna aprire una grossa parentesi sulla squadra rossoblu. La Junior inizia a reagire e lo fa in maniera ordinata. Progressi notevoli da parte di tutte le giocatrici a disposizione. Con calma e lucidità Mesk e compagne risalgono la china e con un meritato 19-25 agguantano il tie-break. Una squadra che nella sua storia recente ha raccolto ben poche soddisfazioni probabilmente qui si sarebbe inconsciamente seduta ed invece… Casale lotta, combatte, mostra i muscoli: insomma, vuole vincere! Il 15-12 per la Virtus è un dettaglio di fronte alla monumentale prestazione delle nostre ragazze. Di fronte alla loro caparbietà oggi tutto sparisce. Che questa sia la nuova base di partenza.