post

LE DATE DELLA NUOVA STAGIONE

In attesa della composizione dei gironi e dei calendari dei campionati di pallavolo femminile per la stagione agonistica 2019-20, illustriamo il planning tracciato dalla FIPAV Piemonte e Valle d’Aosta.

Cinque i gironi femminili: due di serie C e tre di serie D. In provincia di Alessandria sono parecchie le squadre iscritte: EVO Volley, Fortitudo Occimiano, Pallavolo Ovada, Pallavolo Novi (serie C), fono ad arrivare alla Pallavolo Valenza e soprattutto al Volley Gavi (entrambe in serie D). La compagine gaviese, entrata da poco nel Progetto EVO Volley, schiererà una formazione giovane (under 18), frutto dell’unione di vari sodalizi della provincia di Alessandria.

La prima data importante è quella di domenica 8 settembre. A Torino verranno stilati i calendari di serie C e di serie D. Il 21 settembre prenderà il via la Coppa Piemonte. Tre week-end con i soliti triangolari che alla fine premieranno le prime 12 squadre con la qualificazione ai quarti di finale. Le date della prima fase di Coppa Piemonte sono il 21-22 settembre, il 28-29 settembre, il 5-6 ottobre. Una settimana di sosta e poi si partirà con i campionati. La prima giornata è prevista per sabato 19 ottobre. Non ci si fermerà fino a Natale, con il decimo turno programmato per il 21 dicembre. Un week-end super-impegnativo sarà quello del 7-8 dicembre. Sabato si andrà in campo per il campionato; domenica spazio ai quarti di Coppa Piemonte. La sosta di fine anno terminerà sabato 11 gennaio. Tre partite, (11^, 12^ e 13^ giornata) e poi una pausa per consentire di disputare (2 febbraio) le final-four di Coppa Piemonte.  Dalla prima di ritorno si scenderà verso la 22^ giornata (4 aprile) che anticiperà la sosta per le festività pasquali (12 aprile). Dal 18 aprile al 9 maggio per le restanti gare di campionato e poi, spazio agli eventuali play-off e play-out. Gli spareggi promozione inizieranno sabato 16 maggio e si concluderanno il 3 giugno.

post

AUMENTA LA POTENZA DI FUOCO DELLA EVO VOLLEY

Il Direttore Sportivo Pietro Del Nero, ha raggiunto l’accordo con Margherita Cattaneo, schiacciatrice nativa di Alessandria, che va ad aumentare la “Santa Barbara” a disposizione dei tecnici Ruscigni e Montagnini in vista della prossima stagione. La schiacciatrice nata il 20 marzo del 1994 (165 centimetri di altezza), vanta un notevole bagaglio di esperienza ed è pronta a metterlo a disposizione del suo nuovo club. Nel corso di una stagione lunga e difficile, le caratteristiche tecniche di Margherita sono manna dal cielo per qualsiasi allenatore. Intelligente e difensivamente perfetta, la nuova arrivata in casa EVO, è la giocatrice che può togliere la squadra dalle difficoltà, in qualsivoglia rotazione. Una situazione tattica che si è spesso proposta alle rossoblu nella passata stagione. Strisce di 8-9 punti subiti consecutivamente, che hanno influito sui risultati, condannando Dell’Oste e compagne ad un considerevole numero di tie-break.

Nata pallavolisticamente al Quattrovalli Alessandria, Margherita ha giocato tutti i campionati giovanili con il team della propria città. Un periodo di pausa e poi l’esperienza (2016-17) a Sale, in Prima Divisione. Un campionato importante, trampolino di lancio verso Novi Ligure dove, nel 2017-18, ha conquistato i play-off. Stessa sorte nell’anno successivo (2018-19), con finale decisamente diverso perché con il Play Asti di coach Bellagotti, è arrivata la promozione in serie B2. Margherita Cattaneo è anche una giocatrice di beach volley. La schiacciatrice alessandrina partecipa a tornei indoor ed all’aperto sia federali che amatoriali.

Alla EVO Volley ritroverà molte ex compagne di squadra. Da Deambrogio, Del Nero e Fracchia (Novi), a Dametto (Asti). “Questo è stato uno dei motivi che mi ha spinto ad accettare – commenta Margherita – perché il valore di queste ragazze è sinonimo di serietà, impegno, ma anche di amicizia e divertimento. In partita, in allenamento e nello spogliatoio, nulla è lasciato al caso. Si lavora e ci si impegna al massimo. So che gli obiettivi della società sono alti, ma con questa squadra si parte da una base solida che sono certa darà soddisfazioni a tutti”. La parola play-off non fa paura: “Nelle ultime due stagioni sono riuscita a raggiungerli con Novi ed Asti. Non vedo l’ora di iniziare per conoscere il resto del gruppo e per partire verso un traguardo ambizioso, ma giusto. Soprattutto visto il potenziale della “rosa” che sta nascendo in queste settimane”. Chi conosce bene il neo-acquisto rossoblu, è Giorgia Imarisio, ex compagna a Novi Ligure: “La stagione condivisa con lei, è stata tra le più belle della mia carriera, sotto tutti i punti di vista. Margherita è una ragazza intelligente, consapevole della propria forza e desiderosa di crescere e di migliorare. In allenamento non manca mai il suo impegno e nello spogliatoio è un collante prezioso perché ha una parola per tutte. Tecnicamente? Vorrei dire che il suo ingresso a partita in corso in seconda linea è determinante, ma sarebbe riduttivo. In difesa è un valore aggiunto che fa la differenza ed il suo servizio ha spaccato più di una partita a nostro favore. Credo sia un grande acquisto per un team che punta in alto, anzi ne sono certa al 100%”. Il terzo acquisto della EVO Volley conferma le intenzioni del club: lottare per i play-off. E le novità non sono certo finite qui. A breve l’annuncio di un vero e proprio top-player…

post

NEL SEGNO DELLA CONTINUITA’

Nei giorni scorsi, i vertici delle società US Junior ed Alessandria Volley si sono incontrati per definire il programma per la prossima stagione. Il sodalizio EVO VOLLEY non si ferma e punta a fare ancora meglio. La collaborazione tra queste due gloriose società prosegue in armonia ed unità di intenti. Una concreta dimostrazione di come un programma serio possa essere sviluppato da persone capaci, corrette e lungimiranti, a dispetto del colore della propria bandiera. In agenda, uno degli argomenti trattati è stato quello relativo alla formazione che milita in serie C. Dopo due stagioni come quelle vissute dalla EVO VOLLEY, ricche di soddisfazioni e di risultati più che lusinghieri, è arrivato il momento di tracciare un primo bilancio. Si è partiti da una serie D dominata e vinta a suon di record e si è arrivati ad una C da neo-promossa con i play-off sfiorati per un solo punto in classifica. Un quarto posto che ha lasciato in dote un materiale tecnico ed umano di grande importanza e spessore. Una squadra viva per un sodalizio ambizioso, che guarda al futuro con rinnovato entusiasmo. Il campionato appena concluso ha detto che la EVO Elledue Volley può rientrare nel ristretto lotto delle protagoniste. Nel girone delle ragazze di coach Ruscigni, la Libellula Bra ha ottenuto la promozione in serie B2. Va ricordato che negli scontri diretti EVO e Bra hanno chiuso alla pari e che Vinciarelli e compagne (dirigenza compresa) hanno pronunciato sincere parole di stima nei confronti delle rossoblu. Alba e Team Volley Novara sono state estromesse dall’S2M Mokaor Vercelli, formazione che si giocherà l’ultimo pass disponibile per la B2 nello scontro diretto con il Play Asti dell’ex juniorino Alessio Bellagotti. Perché non crederci? Perché non tentare di alzare ulteriormente l’asticella? Le dirigenze di Alessandria Volley e Junior Casale ci vogliono provare, anche perché il movimento creato alla base dal club di Mauro Bernagozzi, merita un terminale come un campionato nazionale. In fondo manca solo questo tassello per certificare un progetto EVO che sta mietendo successi in soli due anni di vita. Ed allora via, sotto con la prima fase della stagione 2019-20, quella relativa alla costruzione del nuovo team. Il DS Pietro Del Nero, il Direttore Tecnico Massimo Lotta e lo staff EVO stanno facendo il punto della situazione. Capitolo uscite. Detto delle ginocchiere appese al chiodo da Giorgia Imarisio, occorre valutare le richieste delle ragazze che hanno appena condotto la squadra al quarto posto. La centrale alessandrina Alice Farina pare essere sul piede di partenza per motivi di studio. L’Università a Torino toglierà alla EVO Elledue una giocatrice importante, con destinazione (B2?) ancora da definire. Nel frattempo sono iniziati i “provini” alla Tensostruttura di Casale Monferrato. I profili da ricercare sono ben definiti ed il lavoro svolto dalla EVO VOLLEY nelle ultime due stagioni, ha reso più agevole il compito in oggetto. Questa maglia è tornata ad avere un peso specifico non indifferente. Sono tante le ragazze che verranno a provare in sedute di allenamento dedicate. Le prime sono state Arianna Ferrari, Viviana Angeleri, Elisa Mancuso ed Agnese Ruggiero. Le prime due (libero e schiacciatrice di posto quattro) hanno indossato nelle ultime due stagioni la casacca del Garlasco Volley di serie B1. Arianna Ferrari, classe 1987, è un libero di grandissima esperienza, con trascorsi proprio ad Alessandria (serie B2). Viviana Angeleri, studente del Liceo Sportivo Sobrero, è un’atleta classe 2001 di cui si dice un gran bene. Dopo due anni di esperienza in B1, può trovare alla EVO la stagione della definitiva esplosione. Va detto che, per entrambi come per tutte le altre, il discorso “firma” è ancora da valutare. Tuttavia, è giusto sottolineare come la EVO VOLLEY si stia muovendo, puntando verso giocatrici che possano migliorare una “rosa” di per se già molto competitiva. Chi si è guadagnata una opportunità di farne parte, con un campionato in continuo crescendo, è Elisa Mancuso. La giocatrice di Vercelli, ha militato negli ultimi 24 mesi nella Fortitudo Occimiano. Classe 2002, possiede tutte le caratteristiche per costruirsi un luminoso futuro. Dalla scuola dell’Involley Cambiano è arrivata invece Agnese Ruggiero. Palleggiatrice classe 2003, ha militato nel campionato regionale di serie D. Prestanza fisica, disciplina tattica e pulizia di tocco sono le caratteristiche emerse nella recente seduta di allenamento. E non è che l’inizio, perché nei prossimi giorni arriveranno in palestra giocatrici giovani con esperienze in B2 e in finali nazionali di under 18, ragazze provenienti da importanti realtà del territorio ed atlete con un curriculum di B1. Sarà un 2019-20 parecchio interessante…

post

IL CROCEVIA DELLA SPERANZA

Sabato 16 marzo, con fischio d’inizio alle ore 21.00), verrà disputata dalle rossoblu della EVO Elledue, una partita di cruciale importanza per le speranze play-off. La trasferta di Lessona, contro il temibile Team Volley di coach Fabrizio Preziosa, è di difficile interpretazione tattica per via della bravura conclamata delle ragazze capitanate da Daniela Zacchi. Tuttavia, se la Elledue vorrà regalarsi un finale di campionato di un certo livello, dovrà tornare a casa con una vittoria da due o da tre punti. Impresa non da poco, anche in relazione di ciò che accadde all’andata, nella gara disputata al Centogrigio di Alessandria. Un 3-2 sofferto, arrivato in extremis grazie al carattere ed al cuore della EVO, capace di reagire ad un paio di situazioni davvero complicate. Nel finale di primo set si infortunò (distorsione alla caviglia) Giorgia Del Nero ed il tie-break fu vinto con il punteggio di 18-16 dopo aver annullato un match-point alle avversarie. Furegato (22), Deambrogio (18) e Farina (16) le mattatrici di un incontro durato oltre due ore. Il Team Volley suscitò un’ottima impressione e l’attuale sesto posto in classifica (con 30 punti) non rende merito al collettivo allenato da coach Preziosa. La squadra biellese possiede ottime qualità individuali, è migliorata rispetto al girone di andata, gioca una bella pallavolo e in casa sa farsi valere al cospetto di qualsiasi avversario. Lo sanno bene le quattro ragazze rossoblu che nel maggio del 2018 persero i play-off promozione con la maglia del Novi proprio nella partita disputata nel Palasport di via Masserano. Un impianto che sa trasformarsi in una bolgia (comunque corretta) fino a diventare il giocatore in più per la propria squadra del cuore. Rispetto alla trasferta di Rivarolo, quella di Lessona può proporre un avversario meno esperto, ma di sicuro non meno determinato e preparato. Nel turno che precede la supersfida tra EVO e Team Volley Novara, una sconfitta potrebbe risultare fatale alla Elledue. “Sappiamo perfettamente che si tratta di una tappa importante del nostro percorso di crescita – commenta Giorgia Del Nero – e non vediamo l’ora di metterci alla prova per valutare i progressi fatti nelle ultime settimane. Siamo in un buon momento, caratterizzato da sei vittorie nelle ultime sette gare. Lessona è un campo tradizionalmente ostico e personalmente non ho mai avuto fortuna contro il Team Volley. All’andata mi sono dovuta accomodare in panchina anzitempo, ma sabato prossimo cercherò di offrire il mio contributo alla squadra fino alla fine. Siamo motivate da una situazione di classifica che potrebbe esaltarci da qui a due settimane. Tutto dipenderà dai risultati che faremo con Lessona e Novara”.

Team Volley Lessona: Zacchi (K), Silvestrini, Peracino, Daffara, Abbiate, Tortora, Gualinetti, Nazzi, Marra, Bazzani, Salono, Cimma (L), Rastello (L). All: Preziosa.

Classifica: Libellula Bra 54, Team Volley NO 48, L’Alba Volley 47, EVO Elledue 38, Oasi Cusio 37, Team Volley Lessona 30, Cuneo 29, Rivarolo 28, Santena’95 27, La Folgore 23, Novi 16, Igor Volley 11, Monviso Volley 6, Canelli 5.

Prossimo turno (16-03-2019): Igor NO-Santena’95 (0-3); Team Volley Lessona-EVO Volley (ore 21.00) (2-3); Rivarolo-Team Volley NO (2-3); Cuneo Granda Volley-Libellula Bra (0-3); L’Alba Volley-Canelli (3-0); Novi-Oasi Cusio- (1-3); Monviso Volley-La Folgore (1-3).

post

LA TRASFERTA DELLA VERITA’

Non c’è nemmeno il tempo per godersi un filotto di cinque vittorie consecutive. I quindici punti messi insieme dalla EVO Elledue nell’ultimo mese e mezzo di campionato, rappresentano un bottino più che ragguardevole. Eppure nello sport si tende a guardare avanti ed a spostare l’asticella delle ambizioni. In genere, una neo-promossa che si trova al quarto posto in classifica dopo diciassette giornate, può ritenersi soddisfatta. Non che la società, lo staff tecnico, le atlete ed i tifosi non lo siano, ma c’è qualcosa di diverso che fa parte del DNA di questo club. La maglia rossoblu trasuda storia e blasone ed indossarla vuol dire puntare al massimo, sempre e comunque. La situazione di classifica a nove giornate dalla fine della regular-season rimane complicata in ottica play-off. Otto punti da recuperare sono tantissimi, ma perché non provarci finchè la matematica non dirà il contrario? L’obiettivo stagionale era quello di assestarsi in categoria, di onorare gli impegni e la maglia, di provare a vincere più partite possibili. E tutto questo è stato fatto. I play-off sono vissuti come un sogno, non come un’ossessione, perché sappiamo bene che, lavorando in prospettiva, quel traguardo verrà tagliato nel futuro prossimo. Non certo in quello remoto. Dicevamo della classifica. Ad analizzarla c’è davvero da impazzire. L’Igor Volley Trecate vista sabato scorso è terz’ultima con 11 punti e gioca una pallavolo esteticamente perfetta. Il Rivarolo, prossimo avversario della Elledue, è impantanato nel limbo del girone B con 10 punti in meno della EVO. Pazzesco. Chi lo avrebbe mai detto? Ad inizio stagione Anselmo e compagne erano tra le favorite per i play-off, un po’ perché arrivavano dalla B2 e un po’ perché il tasso tecnico del loro collettivo è tra i più alti in senso assoluto. Difficile ed oltremodo irrispettoso ipotizzare i motivi che hanno condotto a questa situazione di classifica perché ognuno “ha da guardare in casa propria” con rispetto ed umiltà. Il Rivarolo Canavese rimane comunque una squadra forte, composta da giocatrici di provata esperienza e qualità. Un opposto come Serena Olocco, tanto per fare un esempio, non ce l’ha nessuno in tutta la serie C (girone A compreso). La trasferta di sabato 2 marzo (ore 20.30) è di una difficoltà pazzesca, come testimonia l’opposto della Elledue, Martina Furegato: “Il Rivarolo può vincere contro tutti perché possiede delle ottime giocatrici. Noi stiamo attraversando un buon momento, ma senza la necessaria concentrazione, non porteremo a casa un risultato positivo. Ci vorrà una gara come quella di Alba. Sabato scorso contro Trecate abbiamo avuto una flessione, soprattutto in attacco, spiegabile con una minor intensità tenuta in allenamento. Lo staff ha gestito alcuni acciacchi e non potevamo fare diversamente. Sono ottimista per la prossima gara, a patto che si giochi su ritmi e su livelli alti. Il desiderio del gruppo è quello di provare fino alla fine a disputare i play-off. Ora, con otto punti da recuperare, sembra una follia, ma chissà che, una gara dopo l’altra, la nostra cocciutaggine non ci porti lontano”. E’ il tuo primo campionato di serie C e sei la miglior realizzatrice della squadra: “Siamo un collettivo affiatato, disposto a sacrificarsi per le compagne. Sono contenta di farne parte e sono soddisfatta di quanto espresso fino ad ora. So che devo lavorare tanto perché sono solo all’inizio, ma quando la squadra ti aiuta come sta facendo con me che sono la più giovane, tutto diventa più semplice e meno faticoso”. Consapevoli delle difficoltà e della forza delle avversarie si va a Rivarolo, per quello che a tutti gli effetti è un altro esame da superare e non solo per sognare i play-off, ma per crescere.

Rivarolo: Anselmo (K), Re, Olocco, Anselmo, Piras, Vevey, Follador, Borca, Picca Piccone, Decur, Valente, Benvenuti, Forte (L), Olivieri (L). All: Gobbato.

Classifica: Libellula Bra 48, L’Alba Volley 44, Team Volley NO 42, EVO Elledue 34, Oasi Cusio 31, Team Volley Lessona 30, Rivarolo e Santena’95 24, Cuneo 23, La Folgore 19, Novi 16, Igor Volley 11, Monviso Volley 6, Canelli 5.

Prossimo turno (02-03-2019): L’Alba Volley-Santena’95 (3-0); Novi-Team Volley NO (0-3); Igor Volley NO-Libellula Bra (0-3); Cuneo Granda Volley-TeamVolley Lessona (2-3); Rivarolo-EVO Elledue (0-3) (ore 20.30); Monviso Volley-Oasi Cusio (0-3); Canelli-La Folgore (0-3).

post

PROSEGUE IL MOMENTO MAGICO DELLA ELLEDUE

EVO Elledue-Igor Volley NO-3-0

(25-20 / 25-23 / 25-16)

EVO Elledue: Dell’Oste (K) 10, Del Nero 2, Furegato 8, Farina 9, Fracchia 6, Gatti 1, Deambrogio 7, Corino, Falabrino C. 2, Falabrino F. 3, Imarisio (L), Papillo (L). All: Ruscigni-Montagnini.

Igor Volley NO: Belletti (K) 6, Valsecchi 2, Crespi, Conforto 1, Giorgetta 12, Fabbo, Piva 1, Cabassa 8, Galliano 3, Groppo, Saino (L). All: Alberti-Falaguerra.

Servizi vincenti: EVO Elledue 10, Igor 5.

Errori al servizio : EVO Elledue 9, Igor 6.

Punti a muro: EVO Elledue 6, Igor 3.

Casale Monf.to – Il campionato di serie C ha proposto la sfida tra due delle società più blasonate del Piemonte a livello giovanile e non. Alla “Tenso” di Casale Monferrato le rossoblu di coach Ruscigni hanno affrontato le ragazze dell’Igor Novara, allenate da Valeria Alberti e dall’ex Junior, Stefano Falaguerra. Memori della sconfitta per 2-3 subita all’andata, le padrone di casa hanno preparato la gara con particolare attenzione. EVO Elledue in campo con Del Nero, Furegato, Fracchia, Farina, Dell’Oste, Deambrogio e marisio (libero). Le novaresi hanno replicato con Cabassa, Galliano, Valsecchi, Giorgetta, Belletti, Piva e Saino (libero). I tentacoli di Fracchia a muro, inaugurano il match. L’ordine tattico del Novara inguaia le padrone di casa e dopo il muro di Galliano il tabellone indica il 2-6 per la squadra ospite. La veloce di Farina (3-6) è il duecentesimo personale della centrale rossoblu, ma non serve per risvegliare la squadra dal torpore: 4-9 e time-out Elledue. Sul 7-10 arriva il primo errore gratuito del Novara e coach Alberti chiede immediatamente time-out. Muro di Fracchia, errore da posto quattro di Belletti e undici pari. Per il sorpasso EVO occorre attendere il 14-13 (attacco in rete di Cabassa). La seconda sospensione discrezionale dell’Igor giunge sul 16-13 (diagonale di Furegato sporcato dal muro). I decibel degli applausi salgono dopo la parallela imperiale di Dell’Oste (17-13) e il tuffo in bello stile di Imarisio innesca Farina per il 19-14 rossoblu. Ora riesce tutto alla formazione di casa (21-14) e non rimane che gestire con ordine il finale di frazione. Crespi per Cabassa e mani-out di Deambrogio per il 24-17 della Elledue. Il servizio di Giorgetta mette in seria difficoltà la ricezione della EVO e sul 24-20 coach Ruscigni chiede time-out. Dell’Oste e compagne chiudono sul 25-20 un set dove hanno faticato più del previsto. La giovane compagine allenata da Valeria Alberti conferma la propria prerogativa anche in avvio di seconda frazione: Novara gioca bene e la Elledue deve iniziare, con pazienza, dal fondamentale della battuta. Quattro ace nel 10-8 rossoblu. Giorgetta da prima e da seconda linea, incendia la difesa di casa (12-12) ed il muro dell’EVO non trova le giuste contrarie. Per la qualità della pallavolo espressa, è pazzesco che questa Igor abbia soltanto undici punti in classifica. Deambrogio e compagne si aggrappano all’esperienza e il pubblico amico si fa sentire capendo la criticità del momento: 13-15. Gatti per Deambrogio, al fine di rinforzare la linea di ricezione. La panchina della Elledue chiede tempo sul 14-17 dopo l’ennesimo diagonale vincente di Belletti da posto quattro. Crespi per Cabassa: anche Novara modifica il proprio assetto difensivo. Corino e Federica Falabrino per Furegato e Del Nero con Novara avanti per 16-18. E’ della capitana l’ace del sorpasso (19-18) che obbliga il successivo time-out ospite. Al rientro sul rettangolo di gioco Corino disegna due assist da manicomio: Farina-Gatti e nuova sospensione per coach Alberti (21-18). Cambio palla affidato a Giorgetta (22-19) e dopo un errore in attacco Galliano viene sostituita da Conforto. Terminate le rotazioni difensive Crespi lascia il posto a Cabassa (23-20) e la veloce al centro di Fracchia che termina in rete obbliga Ruscigni al time-out: 23-21. Parallela all’incrocio delle righe di Federica Falabrino e saetta da seconda linea di Giorgetta per un finale al fotofinish: 24-22. Le padrone di casa non chiudono e Cabassa le punisce: 24-23. Un incredibile errore di Piva (senza muro) regala il 25-23 alle padrone di casa. Le percentuali in attacco delle rossoblu sono inferiori rispetto alle ultime uscite, ma dai nove metri Del Nero e compagne riescono a compensare egregiamente. Bisognerebbe alzare l’intensità a muro e il duo Farina-Furegato ci mette del suo in avvio di terzo set. Sette a due per l’EVO, che diventa 9-2 dopo il time-out di coach Alberti. Standing-ovation per Farina, che sul 10-2 lascia il campo sostituita da Carlotta Falabrino. In vantaggio per 11-4 rientrano Corino e Federica Falabrino. Novara inizia ad avere problemi in attacco e la Elledue sale in cattedra regalando anche un po’ di spettacolo. Quando Imarisio entra in modalità “muro di gomma”, possono scorrere i titoli di coda perché le avversarie sono in totale stato confusionale. Ace di Carlotta Falabrino (16-7) e secondo gettone di presenza in serie C per Eleonora Papillo sul punteggio di 20-9. Ace di Federica Falabrino, fast di Fracchia e rossoblu con le mani sui tre punti: 22-9. Gli ultimi scambi servono solo per aggiustare le statistiche. L’EVO chiude con il punteggio di 25-16. Il tre a zero risulta essere una punizione troppo severa per le ragazzine dell’Igor. La Elledue ha vinto di squadra, soffrendo senza perdere mai la testa. Non sarà stata una vittoria spumeggiante, ma si tratta pur sempre del quinto gioiello consecutivo da tre punti. Un biglietto da visita niente male, alla vigilia di una trasferta impegnativa e complicata come quella che attende Dell’Oste e compagne sabato prossimo. Il sogno prosegue: destinazione Rivarolo Canavese.

Risultati 17^ giornata: Santena’95-Canelli-3-1 Team Volley NO-Cuneo Granda Volley-3-2 Libellula Bra-Monviso Volley-3-0 Team Volley Lessona-Novi-3-0 EVO Elledue-Igor Volley-3-0 Oasi Cusio-Rivarolo-3-0 La Folgore-L’Alba Volley-0-3

Classifica: Libellula Bra 48, L’Alba Volley 44, Team Volley NO 42, EVO Elledue 34, Oasi Cusio 31, Team Volley Lessona 30, Rivarolo e Santena’95 24, Cuneo 23, La Folgore 19, Novi 16, Igor Volley 11, Monviso Volley 6, Canelli 5.

Prossimo turno (02-03-2019): L’Alba Volley-Santena’95 (3-0); Novi-Team Volley NO (0-3); Igor Volley NO-Libellula Bra (0-3); Cuneo Granda Volley-TeamVolley Lessona (2-3); Rivarolo-EVO Elledue (0-3) (ore 20.30); Monviso Volley-Oasi Cusio (0-3); Canelli-La Folgore (0-3).

post

TRASFERTA A BARGE PER LE RAGAZZE DELLA EVO ELLEDUE

Sabato 16 febbraio, con inizio alle ore 20.30, verrà disputata gara tra Monviso Volley ed EVO Elledue, valida per il sedicesimo turno del campionato regionale di serie C femminile. Sulla carta le rossoblu di Ruscigni e Montagnini sembrano favorite, ma la pallavolo insegna che è sempre il campo a dettare legge e tutte le partite diventano facili solo dopo averle vinte. Proprio sabato scorso alla “Tenso” di via Visconti, il match tra EVO e Folgore ha confermato tutto questo. Le torinesi arrivavano da 5 sconfitte consecutive ed hanno venduto cara la pelle. Dell’Oste e compagne hanno potuto esultare solo dopo aver sudato le fatidiche sette camicie. La Folgore non è certo sembrata una squadra meritevole del decimo posto in classifica, anzi! Per grinta e determinazione ha rappresentato uno degli ostacoli più ardui da superare sul cammino in campionato. Anche a Barge, (provincia di Cuneo), la musica sarà molto simile. La squadra di coach Picotto occupa il penultimo posto in classifica con 6 punti, ottenuti grazie a due vittorie (3-0 al Canelli in casa e 3-2 al Trecate in trasferta) e ad una sconfitta al tie-break nel derby con il Cuneo. Nella gara di andata la Elledue faticò nel primo set, soffrendo gli attacchi di Santos e Rivoira (10 punti a testa). Archiviata la prima frazione, la gara diventò molto più semplice. Analizzando con dovizia di particolari il momento delle rossoblu, si scopre che la partita di Barge vale molto più dei tre punti in palio. “E’ vero – sottolinea coach Maurizio Montagnini – vincere la trasferta di sabato venturo è molto importante per noi. Si tratterebbe del quarto successo consecutivo, all’interno di un ciclo che proseguirà con Trecate, Rivarolo e Novi, che potrebbe regalarci una nuova prospettiva in classifica. La partenza del girone di andata è stata ottima. Poi, dalla sconfitta di Novara in avanti, non è stato possibile mantenere lo stesso passo. Gli infortuni ci hanno penalizzato e si è faticato per ritrovare la forma fisica giusta. Anche psicologicamente il gruppo ha risentito di quel momentaccio che per fortuna sembra alle spalle”. Ora ci si allena anche meglio di prima: “Concordo. L’entusiasmo ci sta dando una grossa mano, ma soprattutto possiamo contare su un apporto molto diverso da parte della panchina. Giulia Gatti è entrata in forma, Federica Falabrino sta per raggiungerla e stiamo parlando di atlete che l’anno scorso hanno giocato poco o nulla. L’impegno c’è sempre stato da parte di tutte, ma ora si respira un’altra aria in palestra. Una piena consapevolezza dei nostri mezzi e delle nostre capacità”. Il terzo posto è ancora lontano ma… “Dipende da noi. Le prossime quattro partite possono darci una occasione. Quella di sfidare Novara e Cusio negli scontri diretti con un buon bottino di punti in classifica. In questo modo, potremmo chiudere il campionato senza alcun rimpianto e non è male per una neo-promossa”.

Monviso Volley: Ughetto (K), Verra, Bono, Chiale, Turi, Canavesio, Santos, Saretto, Rivoira, Re, Trecco, Dalmasso, Gay (L). All: Picotto-Giai.

Classifica: Classifica: Libellula Bra 42, L’Alba Volley 38, Team Volley NO 37,Oasi Cusio e EVO Elledue 28, Team Volley Lessona 26, Rivarolo 22, Santena’95 20, Cuneo 19, La Folgore 17, Novi 16, Igor Volley 11, Monviso Volley 6, Canelli 5.

Prossimo turno (16-02-2019): La Folgore-Santena’95 (2-3); Canelli-Libellula Bra (0-3); Novi-Cuneo Granda Volley- (2-3); Monviso Volley-EVO Elledue (sab.16 ore 20.30) (0-3); Rivarolo-TeamVolley Lessona (2-3); Igor Volley-Team Volley NO (0-3); L’Alba Volley-Oasi Cusio (3-0).

post

IL “CLASSICO” E’ DELLA JUNIOR

EVO Elledue Junior-Pallavolo Valenza-3-0

(25-5 / 25-17 / 25-5)

EVO Elledue Junior: Drainekh (K) 5, Kadiu 6, Ferrari 16, Braggio 4, Giyly, Iviglia 9, Maino 4, Piai 5, Pettinato 4, Losurdo 1. All: Delmiglio-Mazzucco.

Pallavolo Valenza: Cautela 1, Stangl 5, Lava 1, Trovati, Re, Curti 3, Carletti 2, Cravera 1. All: Zulato.

Servizi vincenti: Junior 20, Valenza 2.

Errori al servizio: Junior 4, Valenza 2.

Punti a muro: Junior 0, Valenza 0.

Casale Monf.to – Seconda vittoria consecutiva in campionato per l’under 12 della EVO Elledue Junior. Dopo aver strappato due punti al Novi in trasferta, le rossoblu hanno fatto bottino pieno nel “classico” che le vedeva opposte alla Pallavolo Valenza. Le juniorine hanno disputato un’ottima gara. Precise in battuta, ordinate in attacco. Il tutto con un sorriso sul volto che ha finalmente dato un’altra dimensione al gruppo del settore giovanile. Morale ed entusiasmo, il tutto unito al potere che solo una serie di vittorie (iniziata a Genova) sa conferire al gruppo. Padrone di casa in campo con Kadiu, Braggio, Ferrari, Iviglia, Piai e Maino. Valenza risponde con Stangl, Lava, Trovati, Curti, Carletti e Cravera. Il primo punto del match è messo a segno da Iviglia con un intelligente pallonetto. Che la Junior giochi con la giusta determinazione lo si vede fin da subito. Time-out ospite sul 10-3 con la Elledue a bersaglio tre volte con Ferrari ed altrettante con Piai. Braggio dai nove metri mette in seria difficoltà la ricezione avversaria e sul 16-3 gli ospiti hanno esaurito le sospensioni discrezionali. Pettinato per Kadiu, Drainekh per Braggio e frazione che si conclude sul 25-5 con i punti messi a terra da Ferrari, Maino, Piai e Pettinato. Dopo l’inversione di campo Drainekh sostituisce in sestetto Maino. Set più equilibrato. Valenza commette meno errori e riceve meglio. La difesa rossoblu va in confusione e le valenzane conquistano il massimo vantaggio sul 12-15. Dalla difesa parte la riscossa della Elledue. Kadiu e Iviglia per il contro sorpasso (18-15). Sul 21-16 entra Losurdo ed esce Drainekh e si presenta con un diagonale stretto che di fatto da il là alla conquista del secondo set. Il 25-17 è di Iviglia, brava a scovare un varco in diagonale da posto quattro. La terza frazione inizia con Maino per Piai. La neo-entrata dai nove metri è decisiva nel 9-3 che obbliga Zulato al time-out. Ferrari, top-scorer del match, prosegue nel bombardamento da posto quattro e la difesa del Valenza issa bandiera bianca: 15-4. Losurdo per Drainekh, Giyly per Iviglia e Pettinato per Braggio. La Junior sigilla il tre a zero con un parziale di 10-1. Gli ultimi due punti arrivano dalla battuta di Kadiu: 25-5. La crescita del gruppo prosegue e con il morale alto, tutto è più facile e decisamente più bello!

post

L’ORA DI STORIA: LA SQUADRA DELLA LEGGENDA ROSSOBLU

Casale Monf.to – Proviamo a riavvolgere il nastro nella memoria ed a conoscere meglio la squadra del 1983-84. Con l’ingresso dello sponsor di riferimento (la Bistefani) ed il conseguente aumento di capitali da investire, la società visse una vigilia quantomeno travagliata. Da una parte Carlo Furione, dubbioso e lungimirante al tempo stesso, che puntò decisamente sul vivaio e sulle ragazze della città. Dall’altra la Junior Bistefani del presidente Giuseppe Massa, attirata dalla prospettiva concreta di riportare la Junior in serie A dopo un solo anno di purgatorio. Nacque la Pallavolo Casale che, dopo qualche anno, fu fondamentale nella ripartenza rossoblu. La fusione tra la Junior e la neonata società, bacino d’utenza del vivaio casalese, permise di ricominciare e di arrivare alle storiche promozioni dalla Prima Divisione alla B1. Nel mentre, la Junior Bistefani ingaggiò giocatrici di incredibile talento ed affidò la scalata ad un sogno chiamato serie A ad un allenatore della città, il professor Mauro Demichelis. Etichettare quella Junior come una squadra formata da giocatrici provenienti da altre realtà sarebbe sbagliato. Accanto ad atlete del calibro di Freyberger, Mifkova (mamma di Darina), Olivieri e Torretta, c’erano tante ragazze del vivaio juniorino giunte alla piena maturazione pallavolistica. Anna Angelino (capitana), Silvia Re e Susanna Guaschino, Simona Marzolla, Paola Boda, Maura Fante, Paola Massa e Luisa Barbesino: questi i nomi di chi è riuscito a portare la Junior ad un traguardo leggendario. Nella scalata alla Coppa Italia ricordiamo le sfide ad alta intensità con il CUS Padova (3-1 in trasferta e 3-0 in casa) e con lo Scandicci Firenze (doppio 3-0), fino ad arrivare alla finalissima con il Pieralisi Jesi. Il trofeo si assegnava sulla lunghezza di due partite su tre e la Junior aveva il vantaggio dell’ipotetica “bella” alla Leardi. Dopo 34 vittorie la Bistefani perse proprio gara uno davanti al proprio pubblico. Un 2-3 che non scoraggiò le ragazze di coach Demichelis, abili a ribaltare la situazione nelle Marche: 3-2. Sabato 12 maggio 1984 è così diventata una data storica per la Junior Volley Casale. Alla Leardi, più di 800 persone spinsero Anna Angelino e compagne verso il trionfo: 3-1 (15-10 / 10-15 / 15-7 / 15-11). Promozione in A2 e Coppa Italia: un’accoppiata senza precedenti che merita di essere ricordata nella stagione del proprio trentennale.

Bistefani Casale Monferrato: Anna Angelino (K), Mary Lou Freyberger, Susanna Guaschino, Paola Boda, Paola Massa, Claudia Torretta, Laura Olivieri, Silvia Re, Simona Marzolla, Luisa Barbesino, Anna Mifkova, Maura Fante. All: Mauro Demichelis.
Coppa Italia 1983-84.
Quarti di finale: CUS Padova-Junior Bistefani-1-3 / 0-3
Semifinale: Scandicci Firenze-Junior Bistefani-0-3 / 0-3
Finale: Junior Bistefani-Pieralisi Jesi-2-3 / 3-2 / 3-1
Junior Bistefani: Angelino (K), Freyberger, Guaschino, Boda, Massa, Torretta, Olivieri, Re, Marzolla, Barbesino, Mifkova, Fante, Agnese. All: Demichelis.
Pieralisi Jesi: Carletti, Batozzi, Capagrossi, Ciccarelli, Fantino, Lausdel, Penkova, Bretti, Panfoli, Baldini. All: Damiani.

post

CON CORAGGIO IN CASA DELLA CAPOLISTA

Libellula Volley Bra-EVO Elledue-3-1

(25-21 / 23-25 / 25-17 / 25-16)

Libellula Volley Bra: Cammardella R.(K) 3, Ghione, Vinciarelli 10, Arione 1, Conte 8, Panetta 6, Bertone 15, Abrate, Garnero, Montà 18, Martina 1, Cammardella E.(L). All: Arduino-Biestro.

EVO Elledue: Dell’Oste (K) 7, Del Nero 1, Furegato 23, Farina 9, Fracchia 9, Gatti 1, Deambrogio 12, Corino, Falabrino C., Falabrino F., Imarisio (L), Papillo (L). All: Ruscigni-Montagnini.

Servizi vincenti: Libellula 7, EVO Elledue 3.

Errori al servizio : Libellula 7, EVO Elledue 16.

Punti a muro: Libellula 7, EVO Elledue 9.

Bra (CN) – Trasferta in casa della capolista per l’EVO Elledue. Le ragazze di Ruscigni e Montagnini, proprio in una delle gare più complicate della stagione, hanno avuto l’opportunità di uscire da un momento poco brillante, approfittando del più classico dei “nulla da perdere”. Ospiti in campo con Del Nero, Furegato, Farina, Fracchia, Deambrogio, Dell’Oste ed Imarisio (libero). Formazione-tipo anche per le libellule di coach Arduino: Rossana Cammardella in palleggio, Montà opposto, Bertone-Conte centrali, Vinciarelli-Panetta attaccanti di posto quattro ed Elisa Cammardella libero. Nelle file delle padrone di casa spicca l’ex juniorina Cristina Vinciarelli, (atleta con esperienze in serie A), ma soprattutto è evidente l’apporto in fase di muro e di attacco che da Floriana Bertone. L’ex centrale del Cuneo di A1 si sta riprendendo da un infortunio, ma il suo curriculum parla da se nonostante si tratti di un’atleta nata nel 1992. Club Italia, Casalmaggiore, San Casciano, Modena, Neruda e Cuneo le tappe tra i professionisti di questa atleta di 202 centimetri. Nel palmares una Coppa Italia di A2 e le medaglie conquistate in maglia azzurra agli Europei (2009 e 2010), ai Mondiali (2011) ed ai Giochi del Mediterraneo (2013). In avvio di partita gli arbitri adottano un metro molto severo nei confronti dei due palleggiatori: 4 falli fischiati nei primi 12 scambi. Il servizio delle libellule mette nel mirino Imarisio, ma sul 10-7 arriva un break delle rossoblu (11-10) confezionato da Furegato e Del Nero. L’EVO Elledue subisce altri tre aces (17-13), ma Furegato è scatenata e, ben supportata da Deambrogio, rimette le ospiti in carreggiata: 17-16. Muro di Conte, parallela di Furegato e finale dominato da Bertone con una veloce al centro giocata ad altezze inarrivabili per il muro rossoblu: 25-21. L’EVO Elledue, nonostante lo svantaggio ha ben figurato. La squadra ammirata nelle recenti uscite ha lasciato il posto al team che ben conosciamo e che ci ha entusiasmato in questa prima parte di stagione. Gli scambi si allungano, la lotta si fa dura ed il pubblico sottolinea lo spettacolo con sinceri applausi ad entrambe le contendenti. Va detto e sottolineato che la Libellula Arena è stata corretta ed oltremodo sportiva e che tutti (dai dirigenti, agli allenatori, fino ad arrivare alle giocatrici), hanno accolto Dell’Oste e compagne nel migliore dei modi. Ace di deambrogio (7-10) ed Elledue che inizia a prendere un cospicuo margine di vantaggio. Il primo time-out della capolista arriva sul punteggio di 8-12 ed al ritorno in campo coach Arduino opera un doppio cambio inserendo Martina e Arione in luogo di Cammardella e Montà. Muro di Deambrogio, veloce di Fracchia e bombardamento da prima e seconda linea di una scatenata Furegato. L’opposta della Elledue risulterà la migliore in campo al pari del libero di casa, Elisa Cammardella. Massimo vantaggio EVO sul 10-18 e Libellula che inizia un recupero lento, ma costante. Sul 20-22 è Dell’Oste a togliere le castagne dal fuoco con un intelligente mani-out.. La parallela di Furegato inchioda il 21-24, ma si deve soffrire ancora perché Conte e Bertone riavvicinano il Bra: 23-24. Lo scambio del definitivo 23-25 è chiuso dalla capitana ospite. La partita è bella e l’EVO regge il confronto ribattendo colpo su colpo. Dal 2-4 con Dell’Oste e Farina, al 6-5 per la capolista il passo è breve. Montà mette alle corde la difesa rossoblu e Vinciarelli colpisce al momento opportuno. E’ chiaro che Fracchia e compagne devono osare dai nove metri, perché con palla in mano la regista del Bra innesca una macchina perfetta di nome Floriana Bertone. Corino e Gatti per Del Nero e Furegato sul 16-11 e chiusura del doppio cambio sul 19-16. Montà dalla linea del servizio scava un solco importante e l’EVO Elledue non riesce a trovare la forza per reagire: 25-17. La quarta frazione ha un andamento molto particolare. Equilibrio e spettacolo fino al 10-9, poi accade qualcosa di incredibile. Lo scambio più bello del match risulterà essere anche quello decisivo. Del Nero ha nelle mani l’assist del pareggio, ma la difesa delle libellule si esalta con una Elisa Cammardella a dir poco stratosferica. Mancata l’occasione, la Elledue si trova sul punteggio di 11-9 ed improvvisamente stacca la spina. Vinciarelli e compagne non hanno più problemi e chiudono la gara sul 25-16. Bertone, Vinciarelli, Montà e Cammardella da una parte. Furegato, Farinba e Fracchia dall’altra. Questo l’elenco delle migliori in campo. I risultati dell’undicesimo turno fanno retrocedere di una posizione l’EVO Elledue in classifica generale, ma la prestazione della Libellula Arena dice una cosa più importante: le rossoblu sono tornate. Ed è un peccato che la sosta debba arrivare proprio ora.

Risultati 11^ giornata: Libellula Bra-EVO Elledue-3-1 Monviso Volley-Rivarolo-0-3 Santena’95-Team Volley Lessona-0-3 La Folgore-Team Volley NO-2-3 L’Alba Volley-Novi-3-1 Oasi Cusio-Cuneo Granda Volley-3-1 Canelli-Igor NO-2-3

Classifica: Libellula Bra 30, L’Alba Volley 29, Team Volley NO 28, OasiCusio 20, EVO Elledue 19, Santena’95  e Team Volley Lessona 17, La Folgore e Rivarolo 16, Cuneo e Igor Volley 11, Novi 7, Monviso Volley e Canelli 5.

Prossimo turno (12-01-2019): EVO Elledue-Santena’95 (ore 20.30); Novi-Monviso Volley; Rivarolo-L’Alba Volley; Team Volley Lessona-Canelli; Team Volley NO-Libellula Bra; Oasi Cusio-La Folgore; Cuneo Granda Volley-Igor NO.