post

IL PROGETTO EVO VOLLEY SALUTA MARCO RUSCIGNI

Dopo tre stagioni di eccellente e proficua collaborazione, le strade dell’EVO Volley e di coach Marco Ruscigni si dividono. Una notizia-bomba, sicuramente non attesa nell’ambiente visto l’ottimo rapporto di collaborazione tra le parti e la volontà della dirigenza di confermare in blocco lo staff tecnico in vista della prossima stagione. I motivi alla base della separazione sono di natura personale e non vanno ricercati nel mondo della pallavolo. I presidenti Gabriele Vizio e Mauro Bernagozzi, presa visione e coscienza della decisione del tecnico alessandrino, augurano il meglio a Marco, sperando che si tratti solo di un arrivederci. Ruscigni negli ultimi tre anni ha contribuito a scrivere pagine che rimarranno indelebili nella storia del club. Promozione dalla serie D alla serie C a suon di record. Quarto posto (ad un solo punto dai play-off) nel primo anno di C. Final-four di Coppa Piemonte, primo posto in classifica e record di 13 vittorie consecutive nel girone di andata, prima dello stop imposto dalla pandemia. L’anno solare 2019 (una sola sconfitta) resterà nella leggenda del Progetto EVO Volley. In questi tre anni Marco Ruscigni non si è limitato a vincere le partite, ma ha saputo dare il proprio contributo nella crescita di atlete giovani e di belle speranze come Nardo, Farina e Furegato. La gestione del gruppo è stata eccellente e lo dimostra il fatto che molte giocatrici hanno giocato diversi anni alle sue dipendenze tecniche. La telefonata è arrivata come un fulmine a ciel sereno, nella settimana in cui si stava pianificando il mercato di rafforzamento della squadra di B2. Una riflessione lunga ed attenta, culminata con una precisa e responsabile decisione. “Il mio rapporto con le dirigenze di Casale ed Alessandria è stato eccellente. Non ho nulla da rimproverare a nessuno e sono grato che mi sia stata rinnovata la fiducia anche per l’inizio di un’avventura nei campionati nazionali. Ho ragionato a lungo ed alla fine ho scelto di dare maggior spazio alla famiglia. Gestire una B2 sarebbe stato bello, ma anche molto impegnativo. Onestamente non so se avrei potuto dedicare abbastanza tempo per tutta la stagione ad un gruppo e a un progetto che merita il 100% delle attenzioni”.

Tre anni di ricordi. Tre anni di grandi successi. “Non ci sono momenti definiti e circoscritti. Quello che abbiamo fatto è iniziato in serie D tre stagioni orsono. Ricordo la prima partita, persa in casa con il Rivoli. Fu l’unico ko del campionato perché il gruppo compattandosi si sacrificò in modo incredibile. Abbiamo giocato un intero girone di andata con due centrali adattate (Salerno e Repetto) che non avevano mai giocato in quel ruolo. Un passo alla volta siamo cresciuti. E’ facile dire che l’organico era di assoluto valore. Vero, ma bisognava creare un gruppo ed è stata quella la nostra forza. La nostra marcia in più. Casale e Alessandria si sono unite sul campo in maniera perfetta. Ci sono state difficoltà logistiche e burocratiche, ma le abbiamo superate fissando un obiettivo comune e lottando per ottenerlo. Oggi le dirigenze sono più vicine di tre anni fa e sicuramente sapranno far bene anche in serie B”.

Doveroso un saluto alle ragazze ed allo staff. “Tutti hanno contribuito in egual misura. Non voglio fare nomi, non è necessario. Chi ha vissuto questa avventura sa che abbiamo scritto pagine importanti, che rimarranno nella storia. Ringrazio tutte le atlete, tutti i componenti dello staff e tutti i dirigenti che ci sono rimasti accanto anche quando le cose andavano meno bene”.

Ora cosa farà Marco Ruscigni? Quando lo rivedremo su una panchina di pallavolo? “Oggi è complicato per me rispondere a questa domanda. Lasciare il Progetto EVO no è stata una decisione facile da prendere. In tutta onestà ti dico che non lo so. Ho ricevuto delle proposte, ma devo pensarci bene perché la famiglia e il lavoro oggi occupano una posizione di privilegio nella mia vita”.

Alessandria, Junior e tutto il Progetto EVO Volley, ringraziano Marco Ruscigni ed augurano al tecnico le migliori fortune per il proseguo della carriera.

Share with:


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.